Rispondi a: L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis

Home Forum MISTERI L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis Rispondi a: L'esperienza pre-morte di Alessandro De Angelis

#14831

deg
Partecipante

[quote1293913417=AlessandroDa]
[quote1293912212=Richard]

Come se prendessi la teoria del Big Bang e ne creassi un movimento religioso e invece di insegnarti la teoria, solo per fare un esempio, ti insegnassi che le esplosioni sono sempre buona cosa, quindi vai in giro e fai esplodere tutto quello che trovi perchè aiuti la Creazione.
[/quote1293912212]

bene richard,si inizia a dialogare sul serio, per ora non voglio mettere troppa carne sul fuoco ma…, come si fa a sostenere che ciò che esiste è frutto di una creazione e non è sempre esistito? ovviamente stò parlando del multiverso olografico legato all'energia madre di cui siamo parte integrante, inoltre per quale motivo un dio creatore che esiste da un tempo infinito deve creare?per qual motivo?e prima dell'istante X della creazione non sentiva questa esigenza? e perche nel creare deve inglobare altre energie create ex novo dentro dei corpi olografici e non le crea uguale al suo stato svincolandole da questa gabbia corporale? e come si fa a sostenere che dio è buono? è un concetto umano, una sovrastruttura del nostro cervello condizionato dai bit d'informazione che riceviamo e dai vari condizionamenti a cui il nostro corpo materia ci sottopone , aspetto risposte ciao
[/quote1293913417]

Concordo con Richard su “come creare un culto” partendo di una cosa qualsiasi! Una tattica di controllo molto diffusa, il clero ne è un esempio lampante. :hehe:

Concordo con AlessandroDa sul concetto erroneamente antropomorfo che gli uomini hanno di Dio.
Una cosa sola sento come evidente, e cioè che Dio, essendo l'Equilibrio Cosmico, reale o olografico che sia, (possiamo immaginare Dio alla console del suo videogioco!) deve necessariamente essere Giusto, proprio perché mantiene quell'equilibrio, quelle regole di cui non abbiamo la più pallida idea. Forse perché siamo troppo proiettati verso l'esterno per ricordarle …
Ma il concetto di Giustizia Divina non significa automaticamente prendere in considerazione ogni piccolo dettaglio delle problematiche umane. Forse gli umani peccano di complesso di superiorità, si danno tanta importanza invece di rispettare l'Equilibrio che dovrebbe essere iscritto geneticamente in ogni loro cellula ma che la loro arroganza gli impedisce di riconoscere. E Dio non se ne accorge nemmeno: se c'è bisogno di fare pulizie le fa e basta!

Per il resto concepisco abbastanza una realtà che si auto-regenera, come se l'universo ispirasse ed espirasse, ogni soffio dando vita a qualcosa di leggermente diverso nella forma ma della stessa identica sostanza.

Perché tutto questo?
Forse semplicemente per lasciare ad ogni essere pensante la scelta tra il bene e il male, tra l'amare e l'odiare, tra l'equilibrio o l'annullamento.
Per capire le regole cosmiche, o svanire nel nulla.