Rispondi a: Numeri di Fibonacci e Divinità: Metafore

Home Forum MISTERI Numeri di Fibonacci e Divinità: Metafore Rispondi a: Numeri di Fibonacci e Divinità: Metafore

#15281
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Vi riporto delle annotazioni che avevo lasciato nel mio pc tempo fa…cercando per appunto qualche notizia sulla trinità:

Esisteva nei culti delle popolazioni pagane e nell'induismo.
Culto dei Dio Sole: alba, mezzodì e tramonto
Culto della dea della luna: crescente, piena, calante.
Culto della dea Ecate, signora dei crocicchi, che è 1 e trina: http://www.summagallicana.it/lessico/e/E…

Divinità indù: Trimūrti la forma triplice dell'Essere supremo dell'Induismo manifestantesi nelle tre divinità di: Brahmā, Viṣṇu e Śiva.

Le Moire greche:Erano tre: Cloto, nome che in greco antico significa “io filo”, che appunto filava lo stame della vita; Lachesi, che significa “destino”, che lo svolgeva sul fuso e Atropo, che significa “inevitabile”, che, con lucide cesoie, lo recideva, inesorabile. La lunghezza dei fili prodotti può variare, esattamente come quella della vita degli uomini. A fili cortissimi corrisponderà una vita assai breve, come quella di un neonato, e viceversa.

Che nella mitologia nordica erano chiamate Norne: .Le norne (norreno: norn, plurale: nornir) nella mitologia norrena sono tre dísir chiamate Urðr, Verðandi e Skuld.
Le norne vivono tra le radici di Yggdrasill, l'albero del mondo al centro del cosmo (benché alcune fonti asseriscano che esse dimorino sotto l'arco formato da Bifröst, il ponte arcobaleno), dove tessono l'arazzo del destino. La vita di ogni persona è una corda nel loro telaio e la lunghezza della corda è la lunghezza della vita dell'individuo.

La trinità cattolica è un'invenzione del clero cattolico durante i vari concili ecumenici.


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.