Rispondi a: David Wilcock – 2012 Event Horizon: Prophecies and Science of a Golden Age

Home Forum MISTERI David Wilcock – 2012 Event Horizon: Prophecies and Science of a Golden Age Rispondi a: David Wilcock – 2012 Event Horizon: Prophecies and Science of a Golden Age

#15684
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1328641488=Kame1]
In merito al “Cosmo Divino” dove Wilschok espone le ricerche di Kozyrev in qualche modo posso comprendere gli sforzi che entrambi stanno facendo, in realtà stanno studiando quelle che io chiamo le basi della creazione fisica.
[/quote1328641488]
http://en.wikipedia.org/wiki/Nikolai_Aleksandrovich_Kozyrev

Nikolai Aleksandrovich Kozyrev

Dato che il mondo occidentale conosce molto poco su Kozyrev, saranno utili alcune note biografiche e informazioni di ricerca, le quali mostreranno anche come egli sia ben lungi dall’essere una sorta di scienziato-mitomane: si tratta anzi di uno dei più eminenti pensatori russi del XX secolo. La prima pubblicazione scientifica di Kozyrev ebbe luogo quando aveva diciassette anni; gli altri scienziati si meravigliarono della profondità e della chiarezza della sua logica. La sua attenzione principale fu rivolta all’astrofisica, in particolare studiò l’atmosfera del Sole e delle altre stelle, il fenomeno delle eclissi solari e l’equilibrio della radiazione. A venti anni si laureò in Fisica e Matematica all’università di Leningrado, e a ventotto anni era già conosciuto come importante astronomo, e relatore a diversi convegni.

L’intensa vita di Kozyrev attraversò una fase sfortunata e difficile nel 1936, quando fu arrestato a causa della leggi repressive di Josef Stalin; subito dopo, nel 1937, iniziò un tormentoso periodo di 11 anni durante i quali conobbe tutti gli orrori di un campo di concentramento. Anche senza equipaggiamento scientifico, durante questo periodo gli fu data la più brutale delle iniziazioni nel campo della conoscenza nascosta. Per una mente illuminata, una serie di terribili difficoltà può anche bruciare qualsiasi desiderio di gratificazione dal mondo materiale, rimuovendo la resistenza verso la più alta consapevolezza, cosicché viene prodotto uno stato di illuminazione nel quale la verità universale viene immediatamente riconosciuta e assimilata. In questo stato, egli meditò profondamente sui misteri dell’Universo, prestando attenzione a tutte le strutture esistenti nella vita, in cui così tanti differenti organismi manifestano segni di asimmetria e/o sviluppo a spirale.
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_01.htm