Rispondi a: Raffronto tra il RA MATERIAL E IL LIBRO DI URANTIA

Home Forum MISTERI Raffronto tra il RA MATERIAL E IL LIBRO DI URANTIA Rispondi a: Raffronto tra il RA MATERIAL E IL LIBRO DI URANTIA

#15805
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1328783705=Kame1]
[quote1328783547=Richard]
[quote1328782623=Kame1]
Certo Richard, era una battuta la mia
Per ora ho interrotto il confronto tra i due libri, credo che anche il collegamento al Seth Material sia importante. Ricordo che la New Age è nata sulla scia del Seth Material, quindi è ovvio che questo non può passare sotto banco.
[/quote1328782623]
Io non ho alcun pregiudizio sulla New Age..
come in tante cose c'è chi ci ha marciato sopra solo per suo godimento
[/quote1328783547]

Appunto il fatto è che per un godimento di altri, poi, le cose possono apparire diverse. Facci sapere poi cosa ne pensi del Seth Material se hai tempo di darci uno sguardo

[/quote1328783705]
Per quanto viene descritto nei libri di Wilcock lo trovo davvero interessante
Ho letto anche qualcosina d'altro, ma non molto
tipo: http://www.the-office.com/seth/

una curiosità..mi pare che nella sua intervista al p.camelot o non ricordo di preciso dove ora..David dica di essere stato introdotto al Seth Material da sua madre..

————————-
Un esempio di quanto citato nei libri di Wilcock:
“Ricordiamo inoltre al lettore che le letture di Seth su questo argomento avranno serie implicazioni quando le compareremo con le più recenti scoperte della fisica moderna. Come vedremo nei prossimi capitoli, Seth stava chiaramente gettando un ponte sulla verità di come “funzionano le cose” prima che i fisici iniziassero a comprenderla. Così ora, rilassatevi e divertitevi mentre viaggiamo attraverso queste allucinanti letture. I grassetti aggiunti sono nostri.

“Considerate una rete di cavi, un labirinto di cavi interconnessi costruiti all’infinito in modo tale che guardando attraverso di essi sembri non esistere alcun inizio o fine. Il vostro piano [o densità o dimensione] potrebbe essere comparato a una piccola posizione tra quattro esili cavi, e il mio piano potrebbe essere comparato alla piccola posizione nei cavi adiacenti dall’altro lato. Non solo siamo su diversi lati degli stessi cavi, ma siamo allo stesso tempo sopra e sotto, secondo il vostro punto di vista. E se ipotizziamo che i cavi formino cubi – questo è per te Joseph*, con il tuo amore per le immagini – allora i cubi potrebbero anche compenetrarsi l’uno con l’altro, senza disturbare di una virgola gli abitanti di ciascun cubo. E questi cubi sono essi stessi dentro cubi, e io sto parlando ora solo della piccola particella di spazio formata dal vostro piano e dal mio”.

[il riferimento di Seth ai “cubi” sarebbe accurato per la sua dimensione, ma nella nostra sarebbe ovviamente l’ottaedro. Quindi egli sta chiaramente semplificando il materiale per chiarire il suo punto. *Seth si riferisce a Robert come a “Joseph”, dato che a quanto pare dove risiedeva Seth, questo era il “vero nome” di Robert. Similmente, a Jane era assegnato il nome maschile Ruburt del suo “vero sé”, come vedremo tra qualche paragrafo].

“Pensate di nuovo dal punto di vista del vostro piano, delimitato dal suo piccolo, esile gruppo di cavi, e del mio piano dall’altro lato. Questi, come ho detto, hanno profondità e solidarietà illimitati, eppure da un lato, l’altro è trasparente. Non potete vederci attraverso, ma i due piani si muovono uno attraverso l’altro in continuazione. Spero che vediate cosa ho fatto qui. Ho dato inizio all’idea di movimento, poiché la vera trasparenza non è l’abilità di vedere attraverso, ma di muoversi attraverso.

Questo è quello che intendo per quinta dimensione. Ora, rimuovete la struttura dei cavi e dei cubi. Le cose si comportano come se i cavi e i cubi esistessero, ma queste erano solo costruzioni necessarie anche per quelli del mio piano… Noi costruiamo immagini compatibili coi sensi che ci è dato avere. Costruiamo semplicemente linee immaginarie su cui camminare”.

[Infatti, nei capitoli a venire vedremo questo stesso risultato raggiunto tramite il lavoro di Bruce Cathie, con cui egli ha scoperto che la forma del cubo della quinta dimensione era un sistema di Griglia Globale che veniva utilizzato per la navigazione da un’ampia varietà di UFO che erano stati avvistati. Inoltre, i commenti di Seth ci rivelano che queste stesse geometrie non sono ‘reali’ come noi normalmente le pensiamo, esse sono semplicemente un modo diverso di esprimere una frequenza armonica di energia vibrazionale. L’unica cosa che è veramente ‘reale’ è l’Energia dell’Uno stesso, in quanto le linee rappresentano semplicemente punti di stress di tale energia, in cui essa è in concentrazione maggiore].”
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_CambioEra_04.htm

Questa parte di argomentazione la trovo molto stimolante e interessante
e ricordiamo che il materiale sarebbe stato canalizzato negli anni '60