Rispondi a: Edward Teller e le armi psicotroniche

Home Forum MISTERI Edward Teller e le armi psicotroniche Rispondi a: Edward Teller e le armi psicotroniche

#15970
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1331569097=Solone]
Ma potrei essere anche vittima di armi psicotroniche se secondo te sragiono. :ummmmm:

[/quote1331569097]
dai su solone non fare cosi che non sei solo, forse sono le perturbazioni magnetiche dovute al sole, sei fra amici, vedrai che tutto si sistema..ora ti faccio un caffè d'orzo se ti piace :&D
cavoli……e se con haarp stanno utilizzando il sole come arma psicotronica?? cavoli..

non vedi tutto rosa..giusto..anche noi qui cerchiamo di trovare una chiave di lettura degli eventi, che non per forza corrisponda a quella più comune..

se ti riferisci a questo http://www.antipredazione.org/antipredazione.htm
penso che sollevino leciti dubbi e riflessioni.., però ognuno deve maturare in sè le risposte..

Per quanto riguarda la bussola interiore, quello che trovi su AG e che ti propongo con dei link è da parte mia nato proprio perchè seguo un determinato sentire interiore riguardo la vita e la natura, se avessi seguito l'enciclopedia e i libri di scuola, senza pormi domande e ascoltare anche la mia percezione, non avrei approfondito il materiale che ho condiviso…semplicemente perchè non lo potrei ritenere serio sulla base del paradigma attuale.
In poche parole ho sempre fatto certe riflessioni fin da molto giovane e ho scoperto che esiste un filone di ricerca parallelo a quello “dominante”, che supporta e fornisce una base più concreta a quelle riflessioni altrimenti ritenute solo fantasie…negli ultimi tempi questa pista sta riemergendo e rompendo il muro finora mantenuto con troppa rigidità e cecità.

Con quello che hai scritto mi hai dato l'impressione di non aver compreso qual'è il messaggio che ne deriva..

non ne deriva che dobbiamo fare i vegetali e attendere il salvataggio
nemmeno che dobbiamo accettare ogni atrocità perchè tutto è bello e buono e “uno”
nemmeno che siamo una mente collettiva nel senso che dobbiamo rinunciare alla nostra personalità, semmai crescere responsabilmente perchè ogni cosa che facciamo influenza gli altri e il mondo e viceversa e con questa consapevolezza agire al meglio esprimendo le nostre personalità

se poi ci riferiamo al concetto di sviluppo fino ad una fusione in una coscienza collettiva, comunque questa ipotetica fusione avverrebbe dopo aver sperimentato il percorso in quanto individui sempre più consapevoli di essere parte e di provenire da uno stato in cui non esiste separazione.

——
l'argomento così è molto ridotto..ma il concetto di coscienza collettiva o subconscio collettivo è da tempo discusso e studiato e ha varie origini, ha anche origini molto antiche ed è presente in tradizioni spirituali millenarie.
Oggi si cerca di analizzare la questione scientificamente o si è arrivati sul concetto proprio per il percorso scientifico in corso..
ad esempio

http://it.wikipedia.org/wiki/Inconscio_collettivo

http://www.coscienza.org/Achepunto%C3%A8laRicerca1.htm

http://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.5479

http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/campi-morfici-informati.php

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2002

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7162

http://www.altrogiornale.org/news.php?item.3372.9