Rispondi a: Perche aver paura della morte?

Home Forum MISTERI Perche aver paura della morte? Rispondi a: Perche aver paura della morte?

#16107

civile
Partecipante

[quote1341569054=InneresAuge]
[quote1341568748=♫nessuno♫]
[quote1341564161=Tru]
Coloro che ereditano da chi è morto sono essi stessi morti ed ereditano cose morte.
[/quote1341564161]

'Quelli che si sintonizzeranno sulle nuove frequenze, scopriranno che la vita diventa ogni giorno più meravigliosa. Coloro che si sintonizzeranno sulla paura, troveranno che tutto va a pezzi. Cominceranno a formarsi sempre più distintamente due universi di coscienza: il mondo dell'Amore e della Vita, e il mondo della paura e della morte. Continuerà ad esserci ancora qualche sovrapposizione di questi due mondi per parecchi anni, alcuni individui oscilleranno ancora per un po', ma man mano che il secolo andrà verso la fine, questa polarizzazione continuerà ad intensificarsi. Il momento della nascita sarà anche il momento del Giudizio Finale, il momento della finale separazione. Per alcuni ci saranno tempi migliori, e per altri peggiori, a seconda del loro orientamento e coinvolgimento.'

Tratto da: “[color=#0000ff]Trasmissioni Stellari[/color]” di Ken Carey ([color=#cc3300]1979[/color]).


[/quote1341568748]

Insomma se vedo del marcio e penso che ci sia del marcio, è tutta colpa mia… a questo punto la via sarebbe prendere qualche sostanza che migliori l'umore in modo da sintonizzarmi in altre frequenze… ?
La via del me ne frego anziché quella del mi interesso (che solitamente è più dolorosa)…
[/quote1341569054]
anche questo é soggettivo,io ho sperimentato diverse sostanze tutte legali,e doevo dire che sono riuscito a raggiungere profondità maggiori,i greci consamuvano molto vino rosso durante i loro raduni filosofici,guarda aristotele,grande consumatore di vino…di certo raggiungi profondità mai viste…almeno spero,devi avere una mente pulita e priva di schizofrenie imposte,altrimenti non riesci nell'intento,ovviamente ci sono effetti collaterali nel abuso di certe sostanze,ho sperimentato anche diversi psicofarmaci e nn me ne vergognio,melatonina a grandi dosi,camomilla e tisane varie,tutte portano stati di coscenza alterati,dovete sperimentare…..il bello é non avere vergognia nel dirlo,é gia un grande passo,sopratutto non diventare tossicodipendenti delle sostanze,ma farlo di tanto in tanto per provare il potenziale innato…credetemi tutti i testi di filosofia più famosi sono stati scritti sotto l'effetto del vino,leggete Baudelaire,ha fatto tutte le sperimentazioni possibili…..mi rendo conto di non essere un esempio ma devo dire che ne é valsa la pena…ripeto si parla di sostanze legali,altro non so :hehe: