Rispondi a: IL PAPA LASCIA IL PONTIFICATO DAL 28/02/2013

Home Forum MISTERI IL PAPA LASCIA IL PONTIFICATO DAL 28/02/2013 Rispondi a: IL PAPA LASCIA IL PONTIFICATO DAL 28/02/2013

#16350

giorgi
Partecipante

[quote1360844587=maraxma]
Nell'ultimo podcast di Italo Cillo, è stata fatta un'intervista a Marco Fardin riguardo l'interpretazione del Calendario Maya. Quest'ultimo ha previsto grandi cambiamenti che dovrebbero partire proprio dall'Italia dall'aprile 2013 http://blog.miglioriamo.it/2518/tempodicambiare-23/ … :ummmmm: …

… poi ho trovato questo :

“IL PAPA SI DIMETTE PER EVITARE L'ARRESTO

Abbiamo seguito da molto tempo su queste pagine la vicenda del processo in corso da parte del Tribunale Internazionale Common Law nei confronti di vari esponenti di punta della Chiesa di Roma oltre che del Governatore supremo della Chiesa Anglicana, la regina Elisabetta II, in quanto implicati nel massacro di 50.000 bambini avvenuto a partire dagli anni 70 in Canada.

La veridicità di questa tristissima, orribile vicenda appare comprovata da una rilevante mole di prove documentali di ogni genere.

Il promotore dell’iniziativa giudiziaria, il Rev. Kevin Annett, ha più volte in video aggiornato sulle fasi del “processo”, che abbiamo regolarmente documentato prendendole dal sito ITCCS.

L’annuncio della chiusura del procedimento è stato dato il 30 gennaio 2013, come si può rilevare a questo link.

In seguito è iniziata la fase esecutiva, con le procedure di notifica agli interessati.

Comunque possa essere giudicata dal pubblico la rilevanza giuridica dell’evento, così come descritto dal comunicato di seguito riportato, è ovvio prevedere che questa vicenda non mancherà di produrre clamorosi colpi di scena.

Naturalmente i più conformisti tra i fedeli storceranno il naso, poi minimizzeranno, poi rigetteranno il tutto. Questo poiché le nozioni sulla Common Law sono pochissimo diffuse tra il pubblico.

Ma chi come noi ha seguito la cosa e immagina le conseguenze sul piano del diritto sa che questa vicenda diverrà comunque uno spartiacque storico.

La nostra posizione in merito, come quella di chiunque intenda partecipare costruttivamente a questa delicatissima fase evolutiva dell’umanità, è di aspettarsi, senza pregiudizi quanto senza preclusioni, che per il bene di tutti la verità comunque emerga quale che essa sia, affinché sulla verità possa edificarsi quel futuro migliore che tutti desideriamo.

Una nota di curiosità relativa alla data di esecuzione del Lien (sequestro conservativo) sui beni della chiesa: 31 marzo 2013. O-O

Essa corrisponde nel calendario maya (da molti accantonato dopo il 21 dicembre scorso, ma ancora perfettamente in funzione) al 13 Ahau, la fine dell’Era del 5° Sole, ossia la fine energetica del dominio (che da lì in poi si tradurrà nella pratica), come spiega lo studioso dei Maya Marco Fardin in questo suo meticoloso quanto illuminante articolo.

Jervé”

http://www.iconicon.it/blog/2013/02/itccs-il-papa-si-dimette-evitare-larresto/
[/quote1360844587]

Ciò che dicono i giornali e la televisione non sono verità, anche se danno la colpa al papa, tutta questa è una scena per tenere in piedi la chiesa e diversi di questi uomini che dirigono la chiesa sono contro il Cristo, la verità non sarà mai svelata, mai nessuno saprà di preciso cosa c'è dentro, di certo ci sono vari personaggi che dirigono la chiesa nel modo contro il Cristo, e questi faranno di tutto per far funzionare a modo loro nel tenere il più possibile nascosto ciò che c'è di marcio, il nuovo papa che sarà messo farà ciò che questi personaggi ingiusti vogliono che lui faccia, quindi metteranno un papa che procederà nel modo che questi ingiusti vogliono che sia fatto. Impariamo a capire che possiamo crescere spiritualmente senza frequentare la chiesa, chi è nella giustizia è con Cristo, chi è ingiusto è contro il Cristo, si può benissimo essere con Dio facendo tutto il percorso senza frequentare la chiesa, tutto ciò che è vecchio e marcio cadrà pian piano come un castello di sabbia, anche se gli ingiusti cercheranno di tenerlo in piedi, ma col tempo tutto è destinato a finire ciò che non è fatto ai fini di bene.