Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

Home Forum EXTRA TERRA Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla? Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

#18197
Richard
Richard
Amministratore del forum

In quest’epoca il paese attraversava una rinascita religiosa il cui ardore poteva spiegare, almeno in parte, la profonda attrazione che la Bibbia esercitava su Edgar e la sua aspirazione di diventare medico missionario. Nessuno avrebbe allora sospettato in che modo singolare il suo sogno sarebbe diventato realtà.

All’età di sei o sette anni egli raccontò ai genitori che aveva delle visioni sovrannaturali e che conversava a volte con il nonno defunto. Questi non vi prestarono molta attenzione, pensando che si trattasse del frutto di uno spirito “fantasioso”. Edgar si rifugiò nella lettura della Bibbia, cosa che gli procurò tanta soddisfazione che decise di leggere le Sacre Scritture dal principio fino alla fine una volta per ogni anno della sua vita. Le storie e i personaggi biblici acquisirono così un posto preponderante nella sua esistenza. All’età di tredici anni, un’apparizione lo segnò per sempre: quella di un essere angelico, una bella signora, che gli domandò che cosa desiderava maggiormente. Edgar rispose che desiderava assistere gli altri, in particolare i bambini malati.

Poco dopo si accorse che gli era possibile memorizzare i suoi libri scolastici dormendovi con la testa appoggiata sopra per un momento, capacità che non si poteva più attribuire ad un’immaginazione esuberante. Senza nemmeno averli letti, era in grado di addormentarsi su dei libri o documenti di qualsiasi lunghezza o complessità e, al risveglio, ripeterne l’esatto contenuto. Questa dote lo favoreggiò a scuola, ma svanì gradualmente. Per aiutare i suoi genitori sul piano finanziario lasciò la scuola a sedici anni e andò a lavorare con uno zio nella fattoria di sua nonna.

L’anno dopo la famiglia si trasferì a Hopkinsville. Edgar venne assunto in una libreria. Alcuni mesi più tardi, fece la conoscenza di Gertrude Evans e se ne innamorò. Il 14 marzo 1897, quattro giorni prima del suo ventesimo compleanno, egli si fidanzò con lei. Entrambi decisero di sposarsi appena egli avrebbe avuto abbastanza denaro per mettere su famiglia.

Nel giugno del 1898 Edgar perse il posto e lavorò per un po’ in un grande magazzino. In seguito si recò a Louisville, grande città commerciale del Kentucky, dove aveva ottenuto, in una libreria importante, un impiego meglio remunerato. Nel 1899, a Natale, egli ritornò a Hopkinsville e si mise in società con il padre, Leslie Cayce, allora agente di assicurazioni. Edgar cominciò a viaggiare di città in città, vendendo assicurazioni nonché libri e articoli di cancelleria. A ventitré anni, la sua situazione finanziaria gli lasciava intravedere un matrimonio vicino, quando perse la voce dopo aver assunto un sedativo. Subito non se ne preoccupò molto, credendo che il disturbo sarebbe passato. Notando che invece persisteva egli consultò in vano medici e specialisti.

..
Ogni anno, migliaia di persone in tutto il mondo scoprono la vita e l’opera di un uomo che, sotto numerosi aspetti, assomigliò a molti altri : marito affettuoso, padre di due figli, fotografo appassionato ed amante del giardinaggio, ma che si distinse per il suo talento psichico1, uno dei più affidabili e versatili di tutti i tempi. Quest’uomo si chiamò Edgar Cayce.

Preoccupato di aiutare i suoi simili, egli eseguì, per quarantatré anni, delle “letture”. Si coricava su un divano, congiungeva le mani all’altezza del plesso solare e si immergeva in un sonno auto-ipnotico. Una volta che era entrato in questo stato di trance bastava indicargli il nome di una persona e il luogo nel quale questa si trovava, affinché egli potesse parlare di lei e rispondere alle domande che gli venivano poste sul suo conto. In generale Cayce dissertava con la sua voce abituale; una stenografa annotava ciò che si diceva durante la seduta, poi lo dattilografava, inviava una copia all’interessato e ne archiviava un’altra.

http://www.edgarcayce.it/vita.htm

———-
Ho letto un libro e ascoltato files audio sulle entita del Cerchio di Firenze e le testimonianze di scienziati che hanno assistito. 😉