Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

Home Forum EXTRA TERRA Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla? Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

#18821
Jc
Jc
Partecipante

[quote1278753644=farfalla5]
[quote1278681095=jc]

personalmente non credo che le critiche di altair derivino da una “volontà amorevole” di guidare qualcuno nella retta via (ciò presupporrebbe che lui sia nel giusto,e anche se i suoi ragionamenti sono quasi ineccepibili,risulta distruttivo essere di parte) piuttosto penso derivi dal fastidio che in lui provoca l'imposizione di idee e la chiusura mentale e dal conseguenziale smascheramento e derisione che da sempre lo contraddistingue in questo forum.
[/quote1278681095]
Prima di tutto su quale base fai questa osservazione?
Io conosco Altair, si fa per dire :vir: dal 2008, e ti posso garantire che le sue opinioni hanno sempre una base ben spiegata se leggi con attenzione.
Non posso sapere se Altair ha criticato Free amorevolmente, perchè ovviamente non sto dentro di lui, ma capisco che in certe situazioni è un bene indicare i sbagli che si fanno senza girare intono al manico, come si usa dire qui in Italia.
Preferisco persone schiette, sincere che arrivano al punto invece di chi mi lecca i sedere.
Può piacere o no, ma comunque spiritualmente parlando, è una scorciatoia a volte necessaria!!!
[/quote1278753644]

quello a cui forse non hai mai pensato,è il fatto che voi avete molti frequentatori silenziosi,che ,appunto frequentano il forum anche non essendosi inscritti, da molto tempo.
io non posso conoscere altair,ma so quale è la sua linea di pensiero e so più o meno come la pensa proprio per il fatto che sono “nuovo” solo formalmente……
ciò detto,essere di parte è distruttivo caro altair……per il semplice fatto che si vengono a creare guerre fra bande.
è vero non siamo giudici imparziali, ma neanche gruppi.
siamo invece individui,ognuno con la propria idea che per quanto conforme ad un'altra è unica e personale.
almeno questo è il mio modo di rapportarmi,e fa si che nessuno si senta vittima di una cerchia di persone (appunto, il gruppo) che la stringono fino a spazzarla completamente.