Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

Home Forum EXTRA TERRA Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla? Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

#18874
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1281951900=altair]
[quote1281908681=farfalla5]
Certe cose sembrano così semplici da essere derise, non so nulla di avvistamenti perchè non ho mai visto uno, [u]ma io ho fiducia in Richard e..di conseguenza, aggiungo: gli credo!!!
[/u]
[/quote1281908681]

Farfalla, con questa frase mi sorprendi enormemente!

Carpire la fiducia (non è il caso di Richard) è il primo passo che il sistema attua nei riguardi della gente.

Mai dire – gli credo perchè mi fido.

[/quote1281951900]

Altair, dimmi che importanza ha sapere di questi oggetti, penso che l' Universo sia così grande, così vasto che limitarlo con le nostre dichiarazioni risulta molto restrittivo.
Pensavo ieri sera, e se gli amici extraterrestri facessero delle dimostrazioni di gioco, di fantasia, tipo esibizione da circo? Chi può dire, che loro non giocano con noi?

Noi siamo molto vanitosi, in un altro topic hai mostrato Rettore e quel mostro di cera Balestra, dimmi: siamo tutti così?
Spero di no.

Tornando alla fiducia che ho espresso nei confronti di Rich, ho detto semplicemente che gli credo, conoscendo il genere sensibile della sua anima…. mi viene spontaneo accetare la sua visione, le sue ricerche, i suoi punti di vista…

Non do per certezza nulla, chi di noi ha tutte certezze???
Ma nemmeno scarto tutto….con il tempo, quel che ti sembra falso e ridicolo potrebbe verificarsi utile e vero….

E concludo:
ma se dell' Universo sappiamo solo il 4%, cioè il 4% di materia visibile,come dice la Conforto,
figuriamoci cosa ci sia di inspiegabile nel vasto oceano di vacuum cosmico…


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.