Rispondi a: Corrado Malanga

Home Forum EXTRA TERRA Corrado Malanga Rispondi a: Corrado Malanga

#19466
Richard
Richard
Amministratore del forum

esempio:

Secondo tale ipotesi gli alieni in questione cercano l’immortalità, che non possono in realtà raggiungere perché, pur essendo molto più longevi di noi, muoiono ugualmente. Possono, però, far sopravvivere tutti i loro ricordi, mettendo nel cervello di un bambino terrestre tutta l’esperienza dell’intera vita (fino a quel momento) di uno di loro, eventualmente morto nel frattempo.
Il bambino, col trascorrere degli anni, diventa adulto ed ogni tanto il suo cervello mostra piccoli segni dell’altra personalità, creandogli non pochi problemi esistenziali.

http://astronavepegasus.forumattivo.com/scienza-e-conoscenza-tutor-comandante-kanta-f32/le-abduction-aliene-l-ipotisi-di-corrado-malanga-t4689.htm

Negli addotti studiati da Malanga non era mai capitato di trovare memorie aliene di sauroidi o di insettoidi. Ciò era dovuto probabilmente al fatto che i cervelli di un rettile o di un insetto non sono compatibili con quello umano: infatti, quando si trattava di sauroidi od insettoidi, in ipnosi regressiva si ottenevano racconti di tipo completamente diverso.
Malanga si chiese, all’inizio, cosa sarebbe successo se un addotto utilizzato per il back-up avesse subito un incidente e fosse morto sul colpo: gli alieni avrebbero perso migliaia di anni di informazioni e, con esse, anche uno di loro. Gli alieni effettuavano quindi una copia del cervello dell’addotto. Tuttavia, per conservarlo in piena efficienza, devono copiare tutto il corpo.
Il corpo non serve a gran che, ma è necessario per tenere in vita il cervello, con il suo prezioso contenuto di informazioni di vita aliena.
http://astronavepegasus.forumattivo.com/scienza-e-conoscenza-tutor-comandante-kanta-f32/le-abduction-aliene-l-ipotisi-di-corrado-malanga-t4689.htm

Emergeva, così, l’esistenza di esseri che si definivano “matrici di punti di luce”, che vivevano “tra un tempo e l’altro” e si autodefinivano l’”ANIMA” degli esseri umani!
Quella cosa che, possedendola, conferisce la VITA ETERNA! Già: proprio quella che cercavano gli alieni… .
L’attenta analisi di questi eventi fece capire a Malanga, nell’arco di circa un anno, che gli alieni sauroidi, non potendo utilizzare la mente umana come i mammiferomorfi, tentavano di catturare la nostra matrice di punti di luce e di utilizzarla per i loro fini.
http://astronavepegasus.forumattivo.com/scienza-e-conoscenza-tutor-comandante-kanta-f32/le-abduction-aliene-l-ipotisi-di-corrado-malanga-t4689.htm

La compatibilità del nostro DNA con l’anima chiarisce perché gli alieni stiano tentando, con sperimentazioni genetiche, di utilizzare il nostro DNA: stanno evidentemente tentando di modificare il loro DNA per renderlo simile al nostro, cioè compatibile con quella cosa che comunemente viene chiamata “anima”.
L’anima, interrogata su come stessero le cose, era chiarissima: gli addotti, oltre ad altri requisiti, hanno l’anima, che altri esseri umani non possiedono.
Inoltre l’“anima”, non l’hanno mica tutti gli uomini, bensì solo una minoranza degli esseri umani! (tra il 30 ed il 50%)
http://astronavepegasus.forumattivo.com/scienza-e-conoscenza-tutor-comandante-kanta-f32/le-abduction-aliene-l-ipotisi-di-corrado-malanga-t4689.htm

Ora queste sono affermazioni di cui o si ride e non è il mio caso, o le si prendono seriamente con tutti gli effetti psicologici risultanti, non sono cosine leggere da diffondere nella coscienza delle persone, è una questione che va messa in discussione con una ricerca molto piu ampia secondo me e di vari ricercatori.
Dovremmo anche vedere se le stesse testimonianze le troviamo nelle ricerche di altri ricercatori, in particolare sarei curioso di quelle di John Mack che era uno psichiatra professionista.

Se ci trovo le stesse operazioni di questi presunti alieni e gli stessi tipi di alieni e le stesse conclusioni positive o meno tratte dalle testimonianze, di sicuro come diceva Mack, dovremmo anche imparare che evidentemente non siamo i padroni dell'Universo e della vita di altri esseri a noi inferiori, ma è una catena di esistenza con tutti i suoi aspetti.

Ora mi vengono in mente alcune testimonianze in contrasto, quindi non dico l'unica opinione possibile, ma dovrei cercare con piu calma

https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.205
Sgt.Clifford Stone
C: A dire il vero avevi una vita vera nell’ Eserito. Avevi una vera e propria missione. Le uniche volte in cui queste altre situazioni entravano in gioco era quando loro avevano un incidente UFO in corso e ti trovavi nelle immediate vicinanze. Posso raccontarti che nel 1965 in Vietnam c’era un campo base da cui si tento’ di aprire il fuoco su di un UFO. Nel momento in cui provarono a farlo, nessuna delle loro armi funziono’. Tutta l’ elettricita’ manco’ e questo finche’ l’ UFO non se ne ando’ .
Posso dirtelo essendo stato in Vietnam per 4 anni,si’ fu per 4 anni, i documenti riportano 37 mesi ma se aggiungiamo il tempo del TDY in cui mi trovavo li, raggiungiamo i 4 anni, “TDY” sta per Servizio Temporaneo. Non avendo potere su nulla e’ davvero, davvero spaventoso e quelli sono stati momenti molto molto carichi di tensione.
..
: Quando si viene a sapere chi puo fare Interfacciamento, non ci sono scuole per questo. Ci sono cose che continuano nella tua vita, quando ne sono uscito c’ erano 7 persone ancora nell’ esercito che facevano Iterfacciamento, solo 7, nell’ ambito militare.

Io venni coinvolto in un incidente dove avevamo una situazione per cui non ci venne detto esattamene dove accadde ma so..che siamo atterrati a Ben Hua, perche’ ricordando, c’ era n segno che indicava dove eravamo atterrati.

“Io risposi “Se si suppone che loro siano nostri ospiti..perche’ li trattiamo crudelmente come prigionieri ? Anzi persino peggio che i prigionieri ? “
Abbiamo identificato ,finche’ non ne sono uscito, 57 specie differenti. Vengono chiamati affettuosamente “Heinz 57” . In uno dei nostri film c’e’ una frase su questo.”

“C: La gente vorrebbe che lo definissi un grigio. Non lo era, era verde, un verde pastello. Subito lui volle sapere perche’ mi sentivo in quella maniera. Era inusuale. Immediatamente compresi che lui era come un monitor per me.

K: Quindi esiste un’ empatia in due direzioni tra voi ,come la telepatia.

C: Lo spieghero’ piu’ avanti. Vediamo i nostri visitatori come i personaggi dei fumetti. Loro hanno una cultura, hanno una societa’, hanno famiglie, hanno amori, hanno preferenze, possono sentire paura e dolore.

K: Quindi, questa fu la tua introduzione a questa realta’ in maniera piu personale, giusto?

C: Fu la prima occhiata, uno shock…queste cose proseguirono senza che potessi condividerle. Non ti sentiresti mai cosi solo. Mi ricordo che piangevo con i miei genitori chiedendogli di portarmi dal dottore che poteva mandare via i mostri.”
..

“C: Nel 1960, posso procrarti il documento, abbiamo formulato, lo fece la NASA, un libro che hanno chiamato Legge dello Spazio Esterno. Non era ancora il 1970 che la questione dei diritti legali di creature senzienti, non di questo mondo, venne presa in considerazione. Sai quali sono i loro diritti ? Non ne hanno.

K: Anche tuttora stai dicendo.

C: Nessun diritto..un animale da laboratorio ha piu’ diritti di uno dei nostri visitatori. Nonostante siano molto superiori a noi per intelletto e spiritualmente. Loro permetterebbero di essere uccisi – molti di loro lo farebbero, diverse specie – piuttosto che fare qualcosa che puo causarci un danno o ucciderci. E scusami [commozione], ma questo e’ cio che cercavo di evitare.”

Quindi era bambino e diceva di vedere mostri
è cresciuto e con l'esperienza non parla piu di mostri

https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.206
“B: Cos'hai imparato su..cerco di usare parole adatte..sul contesto spirituale di questi alieni ? Hai imparato qualcosa su come si relazionano con ciò che noi definiamo anima ?..

X: In definitiva ci hanno detto che sono spiritualmente come noi, noi e loro ci somigliamo in tutto. Loro parlavano sul riciclaggio dei loro corpi e non li vedevano come in loro possesso. Vedono il corpo come un veicolo di trasporto per portare la loro anima da un posto a un altro o per dare casa alla loro anima. Non era una possessione sacra come e' qua sulla Terra per l' umanità.

B: E' come se loro guidassero una macchina, e quando la macchina se ne va..

X:Si, non voglio paragonarlo a guidare un' auto, ma ognuno ha la stessa macchina e ce n'e' una fornitura infinita di queste. Non devi pagare per averla, non la compri, non e' speciale, e' a portata di mano.

B: Cosa accade loro quando il loro corpo muore ?

K: Non perdono le loro memorie ? Giusto ?

X: Non muoiono come noi. Non dimenticano. Sanno in anticipo quando il loro corpo sta morendo e quindi vanno a prenderne uno in anticipo. Loro così vivono per 200-400 anni.

B:Da duecento a quattrocento anni e' la durata di una vita ?

X:Questò e' ciò che venne formulato in base ai nostri rappresentanti li.

K: Qualcosa sui nomi dei militari o presidenti al tempo della documentazione ?

X: Ricordo Truman e Eisenhower ma non altri.

K: Quindi Truman e Eisenhower sapevano.

X: Ho visto prove sul fatto che sapessero. Credo che molti presidenti, se non tutti, da li ad ora, sappiano.
Non so quanto accesso abbiano ma credo che sappiano.”