Rispondi a: Disclosure Project e AERO 2012 rivelazione tecnologia free energy zpe

Home Forum EXTRA TERRA Disclosure Project e AERO 2012 rivelazione tecnologia free energy zpe Rispondi a: Disclosure Project e AERO 2012 rivelazione tecnologia free energy zpe

#19867
Richard
Richard
Amministratore del forum

conosciuti come superconduttività e superfluidità Come un superconduttore conduce elettricità con resistenza zero
01:50 → 01:59

un superfluido fluisce con resistenza zero, questo significa viscosità zero, frizione zero Entrerò nel dettaglio in un mio altro video, ma tenete a mente che la fisica
01:59 → 02:07

della materia condensata è di per sè una intera disciplina della fisica dello stato solido, che è solo metà del necessario per capire l'antigravità, l'altra parte riguarda lo spazio-tempo
02:07 → 02:15

La moderna ricerca sulla gravità ha raggiunto il massimo, cosa avvenuta diverse volte nella storia della fisica teorica, dove non abbiamo avuto altra scelta
02:15 → 02:23

che sederci e con i matematici sviluppare nuova matematica o con i fisici per trovare nuovi risultati sperimentali.
02:23 → 02:30

Spero che l'approfondimento che fornisco in questo video possa aiutare a velocizzare questo processo. Questo è il mio disegno del nucleo di un sistema antigravitazionale con superfluido
02:30 → 02:42

Semplicemente parlando, è un contenitore cavo riempito con un liquido speciale composto da ferrofluido o fluido magnetico e un superfluido che scorre con resistenza zero
02:42 → 02:50

L'idea è usare un campo magnetico per accelerare i fluidi nel contenitore portandoli a ruotare sempre più rapidamente. Dato che non c'è assolutamente frizione
02:50 → 02:59

continueranno ad accelerare senza rallentare e quando raggiungono velocità relativistiche, si può curvare il continuum spaziotemporale attorno al mezzo, producendo un cosiddetto
effetto antigravitazionale

[youtube=420,347]portalplayer.swf

Supersolidi, il mistero s'infittisce

L'idea che in determinate condizioni l?elio solido possa comportarsi come un supersolido, cioè con una porzione di atomi che scorrono senza attrito, appare misteriosa, dal momento che gli atomi organizzati in un cristallo non scorrono gli uni rispetto agli altri
http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Supersolidi,_il_mistero_s_infittisce/1295305

New evidence that weird quantum supersolid exists
The first supersolid – a ghostly, quantum form of matter in which a solid flows, frictionless, through itself – was reportedly made in 2004. But a debate has raged ever since over whether the researchers involved had simply misinterpreted their results. Now two new studies suggest that genuine supersolids have been made after all.
http://www.newscientist.com/article/dn19748-new-evidence-that-weird-quantum-supersolid-exists.html

Ciò che questo suggerisce è che, similmente ai microcluster, pare che i quasi-cristalli non abbiano più atomi individuali, ma piuttosto che gli atomi si siano fusi insieme in una unità attraverso l’intero cristallo. Mentre può apparire impossibile da credere per i cristallografi, in realtà è tra le quattro più semplici potenziali soluzioni al problema di A. L. Mackay, poiché include la semplice geometria tridimensionale e si correla con le nostre osservazioni sui microcluster. Ancora: dal momento che i cristalli sono molto reali, l’unico grande ostacolo da superare è la nostra fissazione sulla credenza che gli atomi siano fatti di particelle.

Un altro esempio a riguardo si ha nel Condensato di Bose-Einstein, teorizzato per la prima volta nel 1925 da Albert Einstein e Satyendranath Bose, e dimostrato per la prima volta in un gas nel 1995. In breve, un Condensato di Bose-Einstein è un grande gruppo di atomi che si comporta come se fosse una particella singola, con ogni atomo che lo compone che sembra occupare simultaneamente tutto lo spazio e tutto il tempo attraverso l’intera struttura. Si misura che tutti gli atomi vibrano alla stessa esatta frequenza e viaggiano alla stessa velocità, e tutto appare essere situato nella stessa area di spazio. Le varie parti del sistema agiscono rigorosamente come un intero unificato, perdendo ogni segno di individualità. Questa è la vera proprietà richiesta a un superconduttore per esistere. (Un superconduttore è una sostanza che conduce elettricità senza perdita di corrente).

Tipicamente, un condensato di Bose-Einstein può essere formato solo a temperature estremamente basse. Tuttavia, sembra di osservare un processo simile a quello che avviene nei microcluster e nei quasi-cristalli, dove non esiste più un senso di identità atomica individuale. Sorprendentemente, un altro processo simile avviene anche nella luce laser, conosciuta come luce “coerente”. Nel caso del laser, l’intero fascio di luce si comporta come se fosse un unico “fotone” nello spazio e nel tempo; in un fascio laser non c’è nessun modo per separare fotoni individuali. E’ interessante notare che i laser, i superconduttori e i quasi-cristalli sono stati tutti trovati in tecnologie ET recuperate dal 1940 in poi.

Tutto questo ovviamente introduce un intero nuovo mondo di fisica quantica sul tavolo della discussione. Nel tempo, pare che i quasi-cristalli e il condensato di Bose-Einstein saranno usati molto più diffusamente e compresi come esempi di come siamo stati fuori strada nel nostro pensiero dei quanti basati su “particelle”. Inoltre, il fisico britannico Herbert Froehlich ha supposto nei tardi anni ’60 che sistemi viventi si comportano frequentemente come i condensati Bose-Einstein, suggerendo che sia in atto un ordine a scala più alta. Discuteremo di questo nei capitoli successivi, che si accordano con la biologia eterica.

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_03.htm

Podkletnov e il suo team, si sono imbattuti inaspettatamente in questo effetto antigravitazionale, mentre lavoravano sui superconduttori, materiali che perdono tutta la resistenza all'elettromagnetismo a temperature bassissime.
Quindi, se avete un materiale che può condurre energia elettromagnetica senza perdere energia, allora avete qualcosa di molto potente, in base alla nostra nuova comprensione su come l'energia eterica possa venire imbrigliata come nei campi elettromagnetici. Parlando filosoficamente, un superconduttore è un materiale molto vicino ad essere in piena armonia con l'Uno Universale, fornendo un mezzo perfetto per il flusso dell'energia cosciente.
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2989

Un altro “super” arricchisce la lista degli effetti straordinari nella fisica: è la luce superfluida, capace di attraversare materiali semi-opachi, vetri scalfiti e sospensioni come la nebbia senza difficoltà alcuna. La sua esistenza è stata appena dimostrata a Parigi da una collaborazione tra Iacopo Carusotto, del centro BEC di INFM-CNR di Trento, il gruppo teorico di Cristiano Ciuti all'Università di Paris 7, e il gruppo sperimentale guidato da Alberto Bramati ed Elizabeth Giacobino presso il Laboratoire Kastler Brossel dell’Università Paris 6. La predizione di questa luce particolarissima è tutta italiana, e risale solo a cinque anni fa grazie a un lavoro di Carusotto e Ciuti del 2004.

http://www.lswn.it/comunicati/stampa/2009/sia_fatta_luce_ma_superfluida

Lo Spazio-Tempo è Realmente un Superfluido?
http://www.bibliotecapleyades.net/ciencia/time_travel/esp_ciencia_timetravel12.htm
di Marcus Chow
New Scientist Magazine