Rispondi a: Quanto e cosa sapete di Astrologia?

Home Forum EXTRA TERRA Quanto e cosa sapete di Astrologia? Rispondi a: Quanto e cosa sapete di Astrologia?

#20074

Castalya
Partecipante

Gli astrologi verso un Albo Professionale riconosciuto dallo Stato? Piano, piano, con molta calma, ma qualche consistente passo in avanti è stato fatto.

Il C.I.D.A. (Centro italiano di discipline astrologiche) ci informa sul suo sito che il 17 aprile scorso la Camera dei Deputati ha approvato la legge sulla regolamentazione delle Associazioni di Categoria, l’atto formale che porterà in futuro al riconoscimento degli Albi professionali per attività finora non considerate ufficialmente come appunto quella di astrologo.

http://www.armonics2zero.it/index.php/cronaca/professione-astrologo/

GraZia
Professione astrologo
by: GraZia venerdì, aprile 27th, 2012
Gli astrologi verso un Albo Professionale riconosciuto dallo Stato? Piano, piano, con molta calma, ma qualche consistente passo in avanti è stato fatto.

Il C.I.D.A. (Centro italiano di discipline astrologiche) ci informa sul suo sito

http://www.cida.net

che il 17 aprile scorso la Camera dei Deputati ha approvato la legge sulla regolamentazione delle Associazioni di Categoria, l’atto formale che porterà in futuro al riconoscimento degli Albi professionali per attività finora non considerate ufficialmente come appunto quella di astrologo.

Il C.I.D.A., va ricordato, è l’unica associazione accettata dal Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro a rappresentare gli astrologi, questo in virtù della lungimiranza dimostrata a suo tempo dal Consiglio Direttivo che nel 1989 istituì formalmente il primo Albo Privato e relativi bandi di concorso ed esami per accedervi.

La notizia non può che far piacere a tutti gli astrologi che esercitano onestamente la loro professione, rilasciano regolari fatture per le loro prestazioni e pagano le relative tasse.

Perché dico questo? Perché 25 anni fa, quando si cominciò a parlare di professionalità e di Albo, mi colpì molto un’obiezione che veniva fatta da più parti. Molti si chiedevano se l’iscrizione a un Albo professionale non avrebbe comportato l’obbligo di pagare le tasse.

Immagino che sia un problema o un difetto tutto italiano: nel paese dei furbi non pagare le tasse è un merito. Chissà perché a molti sfugge che pagare le tasse è un obbligo di tutti i cittadini, qualunque professione svolgano, iscritti o no a un Albo Professionale di categoria.

Mi resi conto che, in realtà l’obiezione era un’altra: se mi iscrivo a un Albo Professionale diventa più difficile nascondermi ed evadere il fisco. Infatti. Quando qualche anno fa il ministro Visco mise on line le dichiarazioni dei redditi degli italiani un amico mi passò il dischetto con il file dove ovviamente andai a curiosare. E fu così che scoprii nomi notissimi dell’astrologia italiana che vantano giri di consulti vertiginosi dichiarare imponibili di poche centinaia di euro.

Chissà perché mi viene il sospetto che dietro le obiezioni di molti che criticarono e criticano le iniziative del C.I.D.A. ci siano in realtà motivi molto meno nobili di quelli ostentati, a cominciare dal quis custodiet custodes?

Si possono condividere o meno le scelte effettuate dal C.I.D.A. negli oltre 40 anni di attività, ma bisogna rendere merito all’associazione del fatto di essere comunque l’unica che ha, concretamente, fatto qualche cosa per il riconoscimento della professione. Con tutto che è nata come associazione culturale di studiosi più che di professionisti, ma aver voluto tener conto delle esigenze anche degli iscritti che con l’astrologia lavorano è un merito ulteriore.

Ora le legge dovrà essere approvata in Senato, dopo di che il C.I.D.A. presenterà la documentazione che è già in fase di approvazione presso la Regione Lombardia.

Speriamo solo che non passino altri 25 anni, altrimenti…

http://it.bing.com/videos/search?q=Nomadi+Noi+non+ci+saremo&view=detail&mid=15D409CADC425ACA48EE15D409CADC425ACA48EE&first=0&qpvt=Nomadi+Noi+non+ci+saremo