Rispondi a: La Srana statua nel Victor Crater di marte

Home Forum EXTRA TERRA La Srana statua nel Victor Crater di marte Rispondi a: La Srana statua nel Victor Crater di marte

#20653
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1284110787=palmimmo]
Io ho letto Ossimoro Marte sotto consiglio di Richard, credo che dubbi sulla vita passata su Marte non ci siano, c'era e forse c'è ancora! Domenica mattina, vado a vedere le piramidi di Montevecchia! qualcuno è già andato! ha qualche consiglio?
saluti mimmo
[/quote1284110787]
Ciao Mimo, ho trovato questo di un forum e di un appassionato di archeologia

Per chi non le conoscesse o non ne avesse sentito parlare, son tre colline NATURALI che son state MODELLATE in modo da formare tra piramidi alte 40 metri.
Si trovano nel parco regionale di Montevecchia e della valle del Curone.
Le sto studiando da una dozzina d'anni ..non in maniera continuativa, anche per le grosse difficoltà “burocratiche”.
Praticamente il problema consiste che la modellazione è avvenuta in epoca protostorica, dopo l'arrivo degli “agricoltori” e prima dei popoli noti dalla storiografia classica.
La sopraintendenza di Milano chiamata e dopo aver visitato per un paio d'ore il posto, se n'è uscita con questa frase.
I romani non costruivano piramidi, prima c'erano i Celti, e loro , al massimo facevano dei tumuli alti una ventina di metri….PRIMA NON C'ERA NESSUNO…pertanto NON ESISTONO !
Giuro …parole LETTERALI.
Un mese fa sono andato ad una conferenza di un noto archeologo ( di cui non cito il nome ) dicendo solo che è di Como.
Ci conosciamo da una vita…alla sua conferenza quando si è arrivati alle domande del pubblico, si è alzato uno con la solita manina e fa: Professor .”..”…cosa ne pensa delle piramidi di montevecchia ?
Risposta:
la solita mania di noi italiani di esterofilia.
Se ne escono i Bosniaci con la bufala che han trovato tre piramidi e subito anche noi ne troviamo tre in italia !
Dopo conferenza con calma, mi avvicino e gli chiedo “umilmente” se aveva 5 minuti di tempo che avrei avuto piacere di mostrargli la documentazione che avevo accumulato negli anni.
..e lui mi fa:
Facciamo finta che io sono il PAPA e tu sei un islamico !
Facciamo finta che tu vuoi convincere ME che la mia religione è sbagliata !
Allora:due cose.
Per prima cosa comincio già con lo stomaco a star male e rischiamo di rovinare i reciproci rapporti di stima e di simpatia…ed in secundis….NON MI CONVINCERAI MAI !!!!!!!!!!

Penso che questi due incontri con i VERTICI delle autorità archeologiche “locali” facciano capire i problemi che ho dovuto affrontare in questi anni.

Se avessi scoperto un pezzo di vaso ..mai visto, ma dal manico leggermente diverso da quelli noti, che individua un nuovo stile..che non SCONVOLGE la datazione e gli studi di tutti gli altri “cattedratici”..allora va bene…ma quando si trova qualcosa che è TROPPO fuori..e chi lo fa non è un archeologo ma solo un appassionato di archeologia…a bè allora !

Per anni mi son chiesto ( insieme a tanti a cui facevo vedere i miei studi ) se queste conformazioni collinari piramidali potessero essere state modellate dall'uomo o se fossero solo uno “scherzo della natura”.
La sopraintendenza di Milano si è messa a ridere ed alla richiesta di dare una qualche sorta di autorizzazione a scavare…ha detto che senza EVIDENZE archeologiche non si poteva chiedere ed ottenere nulla.
Alla domanda come si faceva a trovare delle “evidenze archeologiche” senza scavare…han fatto un sorrisino, han girati i tacchi e se ne sono andati via.

A spese mie ho chiamato il prof.adriano Gaspani e ci siamo messi a misurarle tutte nella maniera piu' precisa possibile (come lui sa fare…4 cm di errore su 4 km di distanza ).

Sulla sommità della seconda ( che è stata “capitozzata” in epoca celtica ) abbiamo rinvenuto tracce di una costruzione di epoca celtica ( probabilmente od un'osservatorio o un santuario o probabilmente entrambi )…con presenza in loco di numerosi blocchi di granito squadrato riutilizzati in costruzioni vicine.
La datazione della costruzione si è ipotizzato fosse intorno al 400 a.c.
Poichè i Celti non costruivano piramidi ma han capitozzato una collina che ERA GIA' a forma di piramide la modellazione è da attribuirsi PRIMA dell'arrivo dei celti…quanto prima è da vedere.
In ogni caso dopo aver misurato le pendenze si è determinato che la prima collina ha tutti i lati della STESSA pendenza + o meno 1,7 gradi ( differenza attribuibile anche ad erosione naturale ).
La seconda ANCHE lei…non solo ..ma con le STESSI GRADI DI INCLINAZIONE della prima.
Il lato principale è orientato ad EST e l'altro lato ( nord-sud ) è allineato col meridiano astronomico locale con una precisione inferiore ai 0,5 gradi.
Praticamente l'osservatorio astronomico di Parigi finito di costruirlo aveva un errore di 0,7 gradi.

Inseriti i dati in una formula statistica usata dall'archeoastronomia è risultato che le probabilità che tutto ciò sia casuale è del 3,6 %, e per contro che sia ARTIFICIALE è del 96,4%.

Per me siamo in pieno neolitico, analogo al ritrovamento del cerchio da 70 metri di Como ( di cui all'altro topic ).
Da queste parti ( italia del Nord ) viveva “qualcuno” che conosceva molto bene l'astronomia e che costruiva opere di una certa “imponenza” per scopi astronomici-religiosi.
Il fatto che poco se ne sappia, non autorizza dei “cattedratici” a sorridere, girare i tacchi e far finta che non esista nulla.

Se l'archeologia è una SCIENZA e non una FEDE religiosa…dobbiamo essere in grado di rivedere tutte le nostre convinzioni SE e dico SE dovesse improvvisamente emergere dal terreno qualcosa che non si “attaglia” alle nostre convinzioni e/o alle nostre certezze.

Poi lì in Bosnia il fatto che “lui” sia americanizzato, ha gonfiato in brevissimo tempo la cosa come solo in america sanno fare.
Qua in italia invece…tutto in silenzio e con le pattine sotto i piedi per non disturbare

http://www.archeologia.com/forum/scienze-naturali-archeologia/2532-le-piramidi-di-montevecchia.html


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.