Rispondi a: LA "CADUTA" DI DARWIN…

Home Forum MISTERI LA "CADUTA" DI DARWIN… Rispondi a: LA "CADUTA" DI DARWIN…

#2207
Richard
Richard
Amministratore del forum

http://www.altrogiornale.org/news.php?item.1810.1

Si dice che il DNA sia il segreto della vita. Il DNA non è il segreto della vita. La vita è il segreto del DNA.

http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.222
Il DNA è scritto nella fabbrica del Cosmo come una forma d' onda

La Galassia è “sintonizzata” per formare il DNA

Nel sistema planetario ottimale, dove non ci sono enormi cataclismi o interruzioni, c'e' una specifica distanza dal Sole dove minuscole onde spiraloidi raccolgono la materia naturale del pianeta assieme per formare le molecole della vita del DNA. Il DNA è l' onda e l' onda è il DNA.

Che il DNA si formi nel processo di evoluzione planetaria può suonare ridicolo, ma può veramente essere provato da qualcosa conosciuto come effetto DNA Fantasma. Il Dr. Vladimir Poponin ha messo il DNA in un tubo dove ha fatto passare un laser e per sua sorpresa ha realizzato che il DNA in realtà cattura la luce e la fa girare a spirale attorno alla sua elica, come fosse un cristallo. Ancora piu' sorprendentemente, quando il Dr. Poponin ha rimosso il DNA, la luce ha continuato a muoversi a spirale su se stessa !

Per la luce, formare una elica tipo DNA su sè stessa dovrebbe essere impossibile; finchè la luce non diviene sintonizzata armonicamente a qualche frequenza naturale esistente nello spazio energetico attorno. Questo mi dice che la spirale luminosa di energia del DNA era già lì e le molecole fisiche semplicemente si sono formate attorno all' energia spiraloide quando il pianeta si è trovato nella giusta posizione di frequenza. La Galassia è “sintonizzata” per formare il DNA umano nel sistema planetario quando ne esiste la possibilità.

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_01.htm

Kozyrev sapeva che, a metà dell’Ottocento, Louis Pasteur aveva scoperto che il blocco di vita in formazione noto come “protoplasma” era intrinsecamente non simmetrico, e che le colonie di microbi crescevano in una struttura a spirale. Queste proporzioni in espansione soggiacevano anche alla struttura di piante, insetti, animali e uomini, così come avevano scritto molti fra gli appartenenti all’antica tradizione di Misteri Atlantidei a proposito della “geometria sacra”, come la forma a spirale nota come Fibonacci, Sezione Aurea, o spirale “phi”.
Dalle sue osservazioni illuminate nel campo di prigionia, Kozyrev ritenne che tutte le forme di vita dovevano essere composte da una forma di energia invisibile a spirale, in aggiunta alle loro normali proprietà di ottenere energia per mezzo di cibo, liquidi, respirazione e fotosintesi. Vedremo più avanti in quest’opera come i dati in questione siano del tutto esaurienti.

Kozyrev teorizzò che cose come la crescita della spirale del guscio e quale lato del corpo umano conterrà il cuore sono determinati dalla direzione di questo flusso. Da qualche parte nello spaziotempo dovrebbe esistere un’area in cui il flusso di energia produca spirali in direzione opposta, cosicché Kozyrev si aspettava che lì i gusci crescessero in direzione opposta, e che il cuore si trovasse dalla parte opposta della cavità corporea.

Questo concetto di energia a spirale potrebbe sembrare non realistico in biologia, ma le scuole misteriche lo conoscono da molto tempo. La prossima immagine ci mostra come la ratio del “phi” emerga naturalmente nella struttura del braccio umano, e questo non è che uno degli esempi in cui si ripete in tutto il corpo umano, così come nelle piante, animali e insetti. Quei pochi che riconoscono ciò alle fine riterranno, del tutto tipicamente, che tali relazioni emergono semplicemente perché “phi” rappresenta il modello naturale più efficiente in cui la crescita possa manifestarsi. Kozyrev suggerì che la vita non avrebbe avuto altri modi di manifestarsi, poiché essa crea continuamente la sua energia a spirale per sostenersi, e perciò ogni momento del processo deve seguire le proporzioni. In questo senso possiamo ritenere che il sistema scheletrico funga da antenna per quest’energia.