Rispondi a: Contattisti e loro contraddizioni?

Home Forum EXTRA TERRA Contattisti e loro contraddizioni? Rispondi a: Contattisti e loro contraddizioni?

#22113

windrunner
Partecipante

Ciao a tutti 🙂
Vorrei approfondire quanto già detto in passato con questo testo che ho trovato su Officina Alchemica… secondo me mai come in questi tempi ci servono informazioni di questo tipo…

Contatti non desiderabili

I cosiddetti “contatti spirituali” sono di norma fenomeni da evitare per quanto possibile. I sottopiani del piano astrale che in genere un uomo di media evoluzione riesce a contattare sono quelli inferiori, cioè quelli abitati da farabutti che, come è ovvio, tali sono rimasti anche dopo il trapasso, e che inoltre non hanno alcuna voglia di allontanarsi dal piano fisico, in quanto qui possono ancora provare l'illusione di partecipare alla vita fisica. Ogni medium riesce a mettersi in contatto con i piani con i quali la sua personale frequenza vibratoria gli consente di entrare in risonanza, dunque, a meno che non si tratti di un uomo particolarmente risvegliato alla sua anima, i piani più elevati sono quasi sempre preclusi a chiunque cerchi comunicazioni dai mondi sottili.
La comune ignoranza porta però a pensare che qualsiasi fenomeno non rientri nella banalità dell'ordinario debba per forza di cose essere qualcosa di estremamente elevato e ricco di significato. Si è quindi indotti a credere, e lo sono essi stessi, che gli operatori di tali comunicazioni con l'aldilà siano persone particolarmente sagge e spiritualmente evolute, e magari prescelti dal divino per compiere importanti missioni o canalizzare messaggi utili all'umanità intera. Inoltre, cosa ancora più pericolosa, si crede comunemente che le entità da essi contattate, per il solo fatto che non occupano più un corpo e riescono a comunicare con l'aldiquà, siano esse stesse intelligenti, oneste e amorevoli. Niente di più sbagliato!
Tali entità, essendo ancora molto attaccate al piano fisico, e avvertendone la mancanza, necessitano di energia per poter continuare a gravitare intorno a esso, e sono disposte a tutto pur di ottenerla! Il medium, cioè un uomo più aperto della norma ai piani sottili, costituisce per loro nulla più che una ghiotta occasione. Ecco allora fiorire i vari Gesù, le Madonne, gli apostoli Paolo e Pietro, faraoni e imperatori assortiti, cioè entità della più infima risma che, sotto mentite spoglie, presentandosi con nomi altisonanti, ingannano l'ingenuo di turno riempiendogli la testa di stupidaggini.
Se infatti essi si presentassero dicendo: “Sono un'anima del piano infernale che ha ucciso dodici bambini e che si sta prendendo gioco di te pur di continuare ad arrecare danni sul piano fisico” credo che anche il medium più sprovveduto interromperebbe subito la comunicazione, ma, dal momento che l'inganno è ordito bene, ed essi mentono fingendo di essere San Francesco, Sant'Antonio o lo Spirito Santo, i medium abboccano; ci si ritrova allora con una serie di 'unti del signore' che si vantano di possedere poteri paranormali e di comunicare con i grandi del passato …in breve tempo immancabilmente seguiti da una folta schiera di ignoranti creduloni.
È vero che nei loro messaggi fasulli essi parlano di amore, preghiera, meditazione e aiuto reciproco, invitando a “non commettere più peccati per non fare lacrimare il cuore di Gesù e la Santa Vergine”, ma proprio questi sono i messaggi che più arrecano danno alle folle, perché trattengono l'uomo nel sonno della coscienza fornendo una visione infantile della religiosità in cui credere e annullarsi. Non c'è infatti sonno più profondo di quello di colui che crede anziché comprendere. Nessuno di questi messaggi invita mai al risveglio e al lavoro su di sé al fine di incrementare il proprio livello di consapevolezza. Mirano invece a instillare il senso di colpa per i propri peccati e conducono sempre a una credenza cieca in un'entità superiore intrisa di moralità antropomorfa o in una profezia catastrofica dalla quale ci si può preservare pregando o meditando.
Tali entità non sono altro che gli spiriti malvagi presenti in ogni tradizione popolare e religiosa; essi sono uomini morti provando odio, rancore, desiderio di uccidere, o più semplicemente un estremo attaccamento ai piaceri terreni nella loro forma più spinta, dall'ingordigia, all'avarizia, alla lussuria, al desiderio di sopraffazione.
Ricavano energia dall'alcolizzato che beve, dal tossicodipendente che si buca, da ogni genere di perversione, crimine e violenza, da ogni emozione di odio, rabbia e gelosia che noi proviamo quotidianamente. Gravitano intorno al soggetto – che li attrae con le sue basse vibrazioni – facendolo sprofondare sempre più nel suo vizio, nel suo comportamento criminoso o nel suo attaccamento alle cose. Oppure possono impossessarsi di individui particolarmente sensibili e instabili emotivamente, in genere giovani adolescenti, e usarli per indurli al vizio o per compiere atti criminosi di cui essi si nutrono.
Possedere qualcuno significa entrare nel suo corpo emotivo o, più raramente, in quello mentale – che per ragioni evolutive sono ancora poco organizzati e fuori dal dominio dell'anima – e influenzarli con forme pensiero negative. Anche un uomo che viene suggestionato affinchè combatta contro un'etnia – e uccide e si fa uccidere per questo – è un posseduto. Si può essere posseduti sia dalle semplici forme-pensiero di odio che di norma inquinano l'atmosfera, e che una volta entrate nel campo mentale di un individuo lo ossessionano, sia dai succitati esseri disincarnati, i quali amano imperversare nelle zone di guerra per nutrirsi di odio e fomentarlo a loro volta.
Se ci si osserva con attenzione si può comprendere che tutti, in misura variabile, siamo dei posseduti. Un gesto di rabbia o gelosia non può certo arrivare dall'anima, quindi è piuttosto evidente che esso è entrato nell'uomo dall'esterno e lo ha usato per un dato periodo di tempo, che può durare pochi minuti, settimane o anni. Il fatto che una persona possa giurare di essere stata proprio lei ad arrabbiarsi, non cambia la realtà delle cose. Un altro genere di possessione è quella operata da entità ben più potenti delle anime dei trapassati, i diavoli, che sarano trattati nell'articolo “Vendere l'anima al diavolo”
(sul sito www22.brinkster.com/brizzi/).
http://officinaalkemica.altervista.org/mondi_spirituali/3_morte_reincarnazione.htm

Ciao ciao e…. occhio !!! :lente: