Rispondi a: In caso di invasione?

Home Forum EXTRA TERRA In caso di invasione? Rispondi a: In caso di invasione?

#22198

zret
Partecipante

Concordo con Richard ed aggiungo.

E’ noto che le radiazioni elettromagnetiche, opportunamente modulate, possono indurre allucinazioni nei percipienti: il neurologo canadese Michael Persinger ha creato un sistema, attraverso un casco da lui costruito, per provocare delle esperienze interiori archetipiche in cavie umane. Irradiando onde E.L.F. (tra 1 e 10 hertz di frequenza), Persinger ha stimolato alcune aree del mesencefalo: l’ippocampo, il corno di Ammone e l’amigdala, parti del cervello ritenute sedi delle emozioni, passibili di diventare immagini cariche di pàthos. Sotto l’influsso delle onde E.L.F., i volontari sottoposti all’esperimento, hanno visto strane figure grigie e forme archetipiche.

Il Progetto Blue beam, secondo David Icke, “prevede l'uso di satelliti per proiettare in cielo immagini olografiche di U.F.O., Gesù, Maometto, Buddha, Krishna, la Madonna… Dal momento che i seguaci di ogni religione saranno convinti dell'avvento del proprio salvatore, le possibilità che si vada verso un conflitto planetario sono illimitate. Alcuni messaggi saranno trasmessi su E.L.F. e bande microonde che possono essere captate dal cervello umano… Questa tecnologia è molto sofisticata e parecchie persone crederanno che Dio stia parlando loro. Molte informazioni “veicolate” (Medjugorie?) provengono già da queste fonti”.

Perché non annoverare tra gli strumenti per creare illusioni percettive ed ologrammi anche H.A.A.R.P. e le scie chimiche che, come appurato, fungono da gigantesco apparato trasmittente e ripetente? Il massiccio ed ininterrotto spargimento di bario, quarzo, alluminio e rame che ha assunto, in questi ultimi tempi, un’intensità parossistica, sembra correlabile alla creazione di condizioni adatte agli scopi “cinematografici” indicati. Questo potrebbe spiegare perché la diffusione di sostanze chimiche sia così frequente anche negli stati arabi ed a maggioranza musulmana (Africa settentrionale e Medio oriente) già afflitti dal problema della siccità e con attività agricole spesso poco rilevanti nell’ambito della struttura economica”.

La pantomima di un’invasione aliena, considerata una supposizione fantasiosa dalla maggior parte dei ricercatori, ha trovato, invece, un’indiretta conferma in una serie di recenti dichiarazioni: l’ex ministro della difesa ed ex vice primo ministro, il canadese Paul Hellyer, ha affermato che “gli U.F.O. sono reali al pari degli aerei che volano sopra le nostre teste ed ha ammesso di essere “davvero inquieto per le conseguenze di una guerra intergalattica che potrebbe scoppiare in qualsiasi momento”. A suo avviso, gli Stati Uniti vennero a conoscenza dell'esistenza degli U.F.O. nel 1947, allorché cadde su Roswell, in New Mexico, quello che molti testimoni descrissero come un “disco volante”, prima delle smentite dei militari di Washington.

L’ex direttore della sezione A2, all’interno del dipartimento preposto alla sicurezza aerea che dipende dal ministero della difesa britannico, Nick Pope, ha lanciato l’allarme circa una possibile aggressione esterna. Pope sostiene che, sebbene in questo momento non esistano testimonianze o prove concrete a proposito delle intenzioni ostili degli extraterrestri, l’ipotesi di un attacco non debba essere esclusa. Sebbene Pope abbia recentemente affermato che le sue dichiarazioni sono state fraintese dalla stampa, ha comunque ribadito che sarebbe deleterio se gli apparati della difesa britannica trascurassero il potenziale pericolo rappresentato da intrusioni esterne. Mi pare che la sostanza del discorso non cambi.

Le asserzioni di Pope non sono soltanto un’implicita ammissione dell’esistenza di civiltà dello spazio, ma anche un’azione tattica per cominciare a preparare l’opinione pubblica alla prospettiva di una guerra stellare. Sia Bush junior sia Pope sono uomini del sistema, gli ambasciatori delle nefaste iniziative della sinarchia che, mentre tramonta la falsa minaccia del terrorismo islamico, cerca, in una micidiale escalation, di agitare il fantasma del nemico pubblico numero uno. Se i media ufficiali asserviti al regime occulto mondiale, hanno dato ampio spazio alle dichiarazioni di certi personaggi, significa che è in atto una subdola operazione di plagio delle masse, in cui la paura e l’astio sono alimentati con un costante bombardamento di notizie distorte o fittizie. Quale miglior sistema per raccogliere un’umanità spaventata e credula sotto l’ombrello “protettivo” di un governo, di un esercito e di una chiesa mondiale che la simulazione di una minaccia aliena? Quasi tutti invocheranno a gran voce quelle misure che hanno sempre temuto e contestato: la riduzione o l’eliminazione delle libertà personali in nome della sicurezza, il finanziamento e l’allestimento di un potente apparato militare per fronteggiare un nemico che esiste solo in una finzione cinematografica planetaria. Le leggi liberticide approvate dai vari governi contro il terrorismo “islamico” parranno provvedimenti miti in confronto alla tirannide che sarà instaurata, se i popoli continueranno a credere alle menzogne dei potenti e dei loro pericolosi portavoce.

Ciao!

🙂