Rispondi a: LE INTERFERENZE ALIENE

Home Forum EXTRA TERRA LE INTERFERENZE ALIENE Rispondi a: LE INTERFERENZE ALIENE

#23641

deg
Partecipante

Mi fa piacere Wind, siamo d'accordo su un punto per me fondamentale: se siamo in questo stato è che, in qualche modo, ce lo siamo voluto! :p
Ed è questo che mi preme.

Capiscimi a me!
Io non rifiuto un'ipotesi soltanto perchè non ne sono a conoscenza,( poi faccio un pò la finta tonta perché ho già qualche idea delle cose che tu dici ;)..) , ma a volte mi viene da pensare che non sia importante il perché, e che ci sarà una ragione (e qui la penso come Richard) a tutto questo.
Se non ci è dato sapere chi è il “nemico” è perché forse non è necessario per noi saperlo in questo stadio della nostra evoluzione, malgrado tutte queste novità sulle rivelazioni degli antichi scritti, kaballah, etc ..

Non potrebbe essere che, per la prima volta in migliaia di anni, dobbiamo cominciare a svegliarsi “da soli”, aprire gli occhi, e guardare, e contemplare con il cuore (anche in questo siamo d'accordo!).

E se il “Male” lo stessimo creando noi?

Il Male
Il Male. Credo che sia uno di quei concetti assoluti a cui la mente umana da una definizione che poi fatica a comprendere ed accettare.

Come l'infinito ad esempio.

Probabilmente è un qualcosa che abbiamo ottenuto per differenza (è male tutto cio che non è bene), e che poi, nel tempo, abbiamo affinato.

Tuttavia quando penso al male, alla malvagità, mi sovviene che in genere è un qualcosa che riguarda gli altri.

Il male per noi è qualche cosa di esterno.

Il nostro ego si rifiuta di accettarci come malvagi; cattivi sono gli altri, noi al massimo siamo costretti ad esserlo, in fondo sono gli altri a non capire e poi, era un male necessario. Come le guerre, che nell'ipocrisia del genere umano diventano giuste, sante o addirittura si travestono da missione.

Gli imperialisti americani devono pagare la loro superbia, loro sono il male e noi dobbiamo farglielo capire.
Questo avrà pensato il signor Osama, dopo essere stato per anni cliente e fornitore del male a stelle e strisce.
Il regime talebano è l'incarnazione del male e va distrutto , in nome della pace, della democrazia e della sicurezza, ha detto mister Dabliu dopo aver finanziato per anni i guerriglieri contro il nemico sovietico.
La Cina è un bel paese, la nuova frontiera, un grande mercato, pensa il cattocomunista italiano, che vede i “propri” preti uccisi, le masse contadine sfruttate e le donne imprigionate perchè ree di aver partorito un bimbo di troppo.

Il male, questo sconosciuto si annida dentro di noi, nella nostra ipocrisia.

“Mostrami pure ciò che l'uomo ha portato di nuovo e troverai soltanto delle cose cattive e disumane”

Ma gli uomini, siamo noi.

http://mcgallant.spaces.live.com/blog/cns!2A25795FD8F8B6AF!2052.entry