Rispondi a: Il Dio Sole oggi

Home Forum EXTRA TERRA Il Dio Sole oggi Rispondi a: Il Dio Sole oggi

#25546
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1283101192=CANERO]
[quote1283088901=Richard]
http://www.ditadifulmine.com/2010/08/attivita-solare-sembra-influenzare-la.html

E' stato rilevato uno strano collegamento tra l'attività solare e la radioattività di alcuni elementi terrestri. La scoperta, se confermata e studiata a fondo, potrebbe avere diverse implicazioni nel mondo della fisica e nella spiegazione dell'interazione tra pianeti e stelle.

http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.874
[/quote1283088901]

La Terra sarebbe bombardata da una quantità di neutrini variabile in base all'orbita del nostro pianeta ed alla “faccia” che il Sole ci mostra. Sembra ci sia uno schema ricorrente, lungo 33 giorni, che pare essere legato alla rotazione del nucleo interno del Sole, che ruota più lentamente della superficie della nostra stella, e nel quale avvengono reazioni nucleari in grado di produrre neutrini.

“Non ha senso secondo le teorie tradizionali” spiega Fischbach. “Quello che crediamo è che qualcosa che non interagisce con il resto della materia stia modificando qualcosa che non può essere modificato”.
“E' un effetto che nessuno ha finora compreso” aggiunge Sturrock. “I teorici iniziano a dire 'Che diavolo succede?' Ma questo è ciò a cui le prove puntano. E' una sfida per i fisici e per gli studiosi del Sole”.

:lente:
[/quote1283101192]
“Per gli ultimi trent'anni, Shnoll ha raccolto dati che hanno dimostrato come differenti processi biologici, chimici e atomici, incluso il decadimento radioattivo di molti differenti materiali, siano in qualche modo direttamente influenzati da movimenti celesti come il giorno, il mese e l'anno.
A questo punto, eccone un piccolo estratto:

Due anni fa, quasi ignorato in Occidente, il biofisico Russo S.E.Shnoll ha pubblicato un lavoro nel prominente journal di fisica della Russia “Uspekhi Fisicheskikh Nauk” sommando i risultati di una investigazione durata più di tre decenni su regolarità statistiche anomale in una ampia gamma di processi fisici, chimici e biologici, dal decadimento radioattivo alle frequenze di reazioni biochimiche.
L'evidenza indica chiaramente l'esistenza di una relazione prima sconosciuta, tra fluttuazioni dei processi radioattivi e altri in laboratorio, con i cicli astronomici maggiori, incluso il giorno, il mese e l'anno.

L'implicazione è che molti fenomeni finora ritenuti di carattere puramente statistico, come la distribuzione delle fluttuazioni nei valori momentanei di radioattività misurati in un campione, sono in qualche modo controllati o almeno fortemente influenzati da un fattore astrofisico che varia nel tempo nello stesso modo in tutti i punti sulla Terra..”…
http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.874

“Se quindi vogliamo accettare i duri fatti, le idee convenzionali della fisica subatomica sono nei guai. Il Dr.Shnoll ci dice chiaramente che i movimenti dei pianeti creano disturbi energetici precisi nello spazio e nel tempo che influenzano ogni singolo atomo, molecola o processo energetico nell'area circostante.
Se guardiamo bene gli istogrammi di sopra di questi vari processi, possiamo vedere che hanno “picchi” dove non sono attesi. Molti scienziati scartano questi dati, solo il Prof.Shnoll dopo oltre 30 anni di ricerca ha pensato a confrontare i diagrammi tra loro per trovare possibili connessioni.
Quindi ha visto che tutti i processi chimici e radioattivi mostrano gli stessi cambiamenti energetici negli istogrammi usati per misurarli in un dato “punto” nel tempo del movimento della Terra attraverso il sistema solare e la galassia.

Il lavoro di Shnoll indica chiaramente un “fattore universale…che varia nel tempo”. Il modello eterico come specificato sopra, spiega esattamente questo fattore universale. Deve esserci un medium nello spazio libero che viene disturbato dai movimenti celestiali e questo stesso medium deve anche essere responsabile per la creazione dei processi biologici, chimici e atomici momento per momento.”
http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.874

“non dimentichiamo infatti che di stelle e galassie noi osserviamo solo l'immagine, cioè la pista video o campo elettromagnetico, un film muto, per intenderci. Ignoriamo i loro messaggi “deboli”, i neutrini, i ritmi della possente sinfonia cosmica che ritma le funzioni di tutte le stelle e dirige la fusione nucleare che avviene nel loro cuore.”
“I tanti infiniti ritmi del mondo terreno sono particelle leggere e copiosissime che la fisica chiama neutrini. Sono le emozioni “deboli” che ci collegano a sole, luna e pianeti, segni e stelle delle Zodiaco e non solo: anche agli altri due mondi, composti dagli Elementi Acqua e Aria. I neutrini, data la loro lievità, velocità diffusione e cospicua abbondanza, compongono una sinfonia cosmica unica che batte con tre ritmi di base dell'intero supercosmo.”
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6124

Etere che Giuliana Conforto chiama elettrodebole.

L'etere è un medium, permea tutto lo spazio e trasmette onde di energia in un'ampia gamma di frequenze, da quelle dei cellulari a quelle delle aure umane. Ciò che è “etereo” è correlato alle regioni aldilà della Terra: i cieli. L'etere – I'elemento del Quinto Sole – è celestiale e privo di sostanza materiale, ma non meno reale del legno, della roccia o della carne.
http://alie-nato.blogspot.com/2007/10/presente-e-futuro.html

http://www.giulianaconforto.it/Italiano/articoli/tempo_elastico.htm
C'è di più. C'è un Autore Interno, dicono saggi, artisti e poeti. Può essere il Cristallo nel cuore della Terra. Varie scoperte dimostrano che si muove in modo indipendente dal resto del pianeta ed emette geoneutrini, “figli” della Luce pesante e osservati, guarda caso, nei Laboratori del Gran Sasso. Sono la prova di processi nucleari interni alla Terra che sconvolgono tutta la scienza ortodossa.

I Cuori comunicano?

http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/articolo/1342284

Reply to the Letter by Gary C. Vezzoli
Simon E. Shnoll
http://www.ptep-online.com/index_files/2008/PP-13-23.PDF