Rispondi a: Il Dio Sole oggi

Home Forum EXTRA TERRA Il Dio Sole oggi Rispondi a: Il Dio Sole oggi

#25668
Richard
Richard
Amministratore del forum

intendi il primo video?
ci devo ancora guardare bene comnque se parli del primo video, è un modello delle espulsioni di massa dalla corona del sole, la “tempesta solare”

“With data like these, we can fly around the sun to see what's happening over the horizon—without ever leaving our desks,” says STEREO program scientist Lika Guhathakurta at NASA headquarters. “This could lead to significant advances in solar physics and space weather forecasting.”
Consider the following: In the past, an active sunspot could emerge on the far side of the sun completely hidden from Earth. Then, the sun's rotation could turn that region toward our planet, spitting flares and clouds of plasma, with little warning.

..The new view could reveal connections previously overlooked. For instance, researchers have long suspected that solar activity can “go global,” with eruptions on opposite sides of the sun triggering and feeding off of one another. Now they can actually study the phenomenon. The Great Eruption of August 2010 engulfed about 2/3rd of the stellar surface with dozens of mutually interacting flares, shock waves, and reverberating filaments. Much of the action was hidden from Earth, but plainly visible to the STEREO-SDO fleet…

http://www.spacechronology.com/
credit: Science@NASA (video), Following Text: Dr.T Tony Phillips

Con questi dati possiamo volare attorno al sole per vedere cosa avviene all'orizzonte senza lasciare le scrivanie
dice Lika Guhathakurta della NASA
Nel passato una macchia solare attiva poteva emergere nel lato distante del sole completamente nascosta dalla Terra.
Quindi la rotazione del sole potrebbe portare questa regione verso il nostro pianeta, rilasciando nubi di plasma con pochissimo avvertimento.
..La nuova visione potrebbe rivelare connessioni prima sorvolate. Per esempio i ricercatori hanno sospettato a lungo che l'attivita solare potesse divenire “globale” con eruzioni nei lati opposti del sole che si stimolano a vicenda. Ora possiamo studiare il fenomeno. La grande eruzione dell'agosto 2010 ha ingolfato circa 2/3 della superficie solare con dozzine di onde e flares e filamenti interagenti. Molto di questo era nascosta dalla Terra, ma visibile dalle sonde STEREO