Rispondi a: Il Dio Sole oggi

Home Forum EXTRA TERRA Il Dio Sole oggi Rispondi a: Il Dio Sole oggi

#25927
Richard
Richard
Amministratore del forum

Il sole ha una massa pari a un milione di volte quella terrestre, si trova a 150 milioni di km di distanza da noi, ci riscalda e ci illumina grazie alla fusione nucleare calda che avviene nel suo cuore. Chi dubita oggi di questo quadro? Nessuno, nemmeno i siti alternativi che suscitano il panico dell’Apocalisse. La certezza della sua “realtà” induce molti governi a finanziare il progetto ITER per produrre la fusione calda sulla terra e a negare
fondi alla fusione nucleare fredda, energia libera e pulita che risolverebbe vari problemi ed eliminerebbe la dipendenza dal petrolio.
Contrariamente a quanto si crede, la fusione calda, lenta non ha prove; è un modello con vaghi indizi, tra cui l’emissione di neutrini. L’idea che serva un’alta temperatura a produrla sorge da una mentalità bipolare: la lotta tra la barriera elettromagnetica (la repulsione tra cariche dello stesso segno) e l’alta velocità, o temperatura, necessaria
per superarla. La temperatura interna del sole non è stata mai misurata e, quanto ai neutrini, sono emessi anche dal cuore della terra. Che temperatura ha quest’ultimo?
Nessuno l’ha misurata, ma certo non è di milioni di gradi, altrimenti fonderemo… Il
satellite Fermi della NASA misura l’intensità crescente dei flash gamma terrestri (TGF),chiari indizi di reazioni nucleari interne alla terra e… fredde.
Lo stesso modello teorico, che attribuisce l’alta temperatura al cuore delle stelle, non spiega l’alta temperatura della corona solare che è misurata ed è di milioni di gradi. Non spiega la causa delle crescenti emissioni coronali e perché, dirigendosi verso la terra, assumono un ordine crescente.
2 Altro mistero irrisolto è la gravità del sole: la sua massa, calcolata, è il 99% della massa totale del sistema solare; il suo momento angolare, misurato, è il 2% del momento angolare dell’intero sistema solare. I conti
non tornano, ma nessuno sembra interrogarsi sulla validità di un quadro astronomico,dipinto utilizzando le osservazioni delle sole frequenze ottiche del campo elettromagnetico. Di fatto molti seri ricercatori sono convinti che il quadro sia tutto da rivedere, ma non appaiono in TV. Da che è stata riconosciuta la struttura dell’atomo, “simile a un minuscolo sistema solare” dicono i testi scolastici, abbiamo imparato che quello “simile” è solo uno dei suoi infiniti livelli possibili.
http://www.giulianaconforto.it/Italiano/Biomagnetismo.pdf

Wilcock
Il nostro Sole non è una fornace nucleare.

Ricerche suggeriscono che il Sole è come un buco apparso nel campo energetico della Galassia, permettendo all' energia di uscire in una certa area, ecco perchè lo vediamo come una luce splendente.
Hanno anche provato che non ci sia in esso una fornace nucleare. La quantità di neutrini che il Sole emana è troppo bassa per essere prodotta da una reazione nucleare. Mancano dei neutrini. Questo si sa da 30 anni e il problema non è stato risolto; questi neutrini mancanti semplicemente non esistono!

Quindi il Sole non è una fornace nucleare. Il Sole rappresenta energia cosmica, la vera energia della Creazione.
Ciò che questo indica è che il Sole sia come un punto nello spazio da dove l' energia esce, come nel caso della borsa di plastica piena di acqua di cui abbiamo parlato o come nel Triangolo delle Bermuda.
In alti livelli vibrazionali vedete molto di piu', vedete tutte le vibrazioni che circondano il Sole. Questo appaiono come sfere concentriche di energia, come le increspature in una pozzanghera che sono connesse da una bobina a spirale di energia che si espande per guidare le orbite e le rotazioni dei pianeti e della Luna. Tutto si mischia precisamente assieme come un set gigante di ingranaggi. Questa bobina dal Sole è stata studiata e misurata. La NASA vi si riferisce come la “Spirale Parker”.
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.966

http://www.edicolaweb.net/libro50b.htm
Ighina
Parlando del Sole, lui affermava che era un foro, un buco nella cupola superiore che separava il regno di Dio dall’universo creato, attraverso il quale si manifestava il grande fuoco o Grande Spirito sconosciuto, come Luce del nostro universo, inteso come un’immensa duplice cupola entro la quale riflettendosi, essa poteva dare origine a quel Ritmo Creativo che avrebbe determinato la formazione del nostro Sistema Solare.
Non era facile capire Gigi.