Rispondi a: Tu sei Pietro e su questa pietra edifichero la mia chiesa

Home Forum TEOLOGIA Tu sei Pietro e su questa pietra edifichero la mia chiesa Rispondi a: Tu sei Pietro e su questa pietra edifichero la mia chiesa

#267563
Siberian Khatru
Siberian Khatru
Partecipante

Se Gesu’ e’ esistito o no non importa o meglio abbiamo quello che e’ scritto e ci si basa su quello.

Una frase del vangelo di filippo dice La verità non è venuta nuda in questo mondo, ma in simboli e immagini.Non la si può afferrare in altro modo.
Io l’ho sempre interpretata cosi la verita e’ Gesu, non e’ venuta nuda in questo mondo cioe’ che non e’nato ma sono solo simboli e immagini perche’ non c’era altro modo di dirla.

Una cosa che manca nei vangeli e’un qualsiasi indizio sull’aspetto di gesu’.. niente ci dice come era biondo, alto, moro basso, grasso.. nulla. Il che e’ strano se era alto biondo e con uno sguardo ti faceva crollare come mai non c’e nulla sul suo aspetto? Alcuni dicono fosse multiforme http://uticense.blogspot.it/2013/03/gesu-il-mutaforme-e-il-figlio-di-pilato.html

Nei vangeli ci sono parole e parabole che possono avere diversi significati la frase del topic ad esempio per i cattolici e’ gia’ capita hanno fatto S.Pietro e sono a posto. Si cerca un significato piu’ genuino nei limiti della mente che comunque deve andare oltre le barriere e i dogmi senno facciamo come dice S.Paolo, il quale non e’neanche un apostolo, e dice per fede credi e quindi per fede ed e’ finita li.

Cosa volesse dire Gesu’ con quelle parole.. mha vediamo se qualcuno ha qualche intuizione io se hai letto ho detto che siamo pietre quando dormiamo.

Ciao
Ps Pasgal dove e’ finita l’anteprima… non si puo’ piu sbagliare…. 🙂


« Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
Jean Baudrillard