Rispondi a: E vi rubarono il Firmamento.

Home Forum EXTRA TERRA E vi rubarono il Firmamento. Rispondi a: E vi rubarono il Firmamento.

#26879

Pyriel
Bloccato

[quote1235404811=mysterio]
[quote1235390218=Pyriel]
Il cielo stellato è ormai ridotto ad un ricordo lontano per molti comuni mortali, offuscato dalle false luci del mondo e da tutte le ansie che riducono l'essere umano ad una stanca macchina da lavoro, spremuta tutto il giorno… e fino a tarda sera dalla dea TV. Provate a fare ora un salto nel tempo, tornate nel 17° secolo, in cui la notte pare davvero notte e il cielo oltremodo vicino ai vostri occhi, al vostro Essere, un tetto di grandi stelle, incredibilmente lucenti nelle notti senza Luna, dove il soffio tenue del vento accompagna il dolce e misterioso canto dei grilli. Che sensazione vi darebbe quella quiete incantata, in cui nulla d'innaturale vi frastuona nella mente? Cosa vi direbbe?
Uno scorrere lento degli attimi fatati che non conosce rintocco di orologi nè logorrea di lingue futili e vuote, non vi pare come di essere nel Paradiso della vostra Anima e dei vostri sensi?
Stelle cadenti accendono la vostra fantasia ed è tutto più magico.
Non vi accorgete, eppure da tanto tempo vi hanno rubato la notte, piegando la vostra testa verso la polvere del suolo e promettendovi cose grandi ed inutili per le quali siete schiavi ogni secondo dell'esistenza, una corsa faticosa verso il nulla, schiavi dei lampioni.
Allora immaginate la Vita, la vera Vita, un arcobaleno di colori indescrivibili che turbina in un oceano di sensazioni profonde e dona al vostro cuore tutta la maestosa pienezza dell'eternità.
Ancora più emozionante è il mondo eterno in cui Dio vi chiama.
[/quote1235390218]

Pyriel, questo tuo topic..che arriva diretto al cuore..l'ho letto più e più volte.

Leggendolo ho rievocato i tempi in cui ero bambino, in cui d'estate, mi trovavo a casa dei miei nonni, in campagna, lontano dai frastuoni e dalle luci della città.

Sapessi quante volte mi sono sdraiato per terra scrutando il cielo, cercando di cogliere la bellezza e la purezza del cielo stellato che ai miei occhi appariva come qualcosa di fantastico, di immenso, di eterno.

Stavo così bene in quei momenti, libero da ogni pensiero di sorta, riflettendo e fantasticando su di me e sull'infinito, mentre scrutavo ogni stella sopra la mia testa.

Eravamo negli anni 80 ed il cielo non era già più incontaminato, le luci artificiali degli aerei in transito e dei satelliti che ogni tanto si illuminavano per poi dare l'impressione di sparire nel nulla già avevano reso il cielo “impuro”, però ricordo che le stelle si vedevano benissimo, splendenti come oggi non riesco più a vedere.

Già..oggi il cielo è ulteriormente peggiorato rispetto a 20-25 anni fa, sarà lo smog, saranno i bagliori della “civiltà” che ormai arrivano dappertutto, sarà la patina chimica rilasciata nell'atmosfera dalle famose scie, fatto sta che certe stelle sono addirittura scomparse dalla vista.

Basta osservare alcune delle più famose costellazioni, le cui stelle meno luminose sono ormai solo un lontano ricordo, la cui flebile luce è ormai quasi completamente offuscata ai nostri occhi. Chi ha ricordanza di come si potevano vedere distintamente costellazioni come l'Orsa Maggiore e l'Orsa Minore rispetto ad oggi, capirà cosa sto dicendo.Lo stesso vale per la Via Lattea, la nostra galassia, che una volta si poteva scorgere benissimo attraversare il cielo mentre oggi osservarla è un impresa titanica.

Ma l'uomo di oggi nemmeno si accorge di queste differenze, non ha tempo di alzare gli occhi verso il cielo,preso com'è dalla frenesia imposta dalla vita moderna.

E..mi chiedo..un uomo del 17° secolo catapultato per caso nel mondo odierno..vedendo il cielo attuale..cosa penserebbe mai? Forse che il peggiore degli incubi si è fatto realtà?

[/quote1235404811]

Capisco bene cosa intendi. L'Anima guarda le stelle per ricordarsi della sua identità, della sua eternità, poichè il cielo era un riferimento immutabile, fino a quando degli ometti amanti dei falsi prodigli moderni e al servizio del Male hanno offuscato tutto per fare i loro comodi e quelli dei bravi demoni.
Gli stessi ometti si sono replicati, sono quelli che oggi cercano Dio in chiesa e la salvezza su di un manuale d'istruzioni, quelle scimmiette insensate che si offendono quando gli nomini la loro genealogia ed infieriscono con rabbia animale sulla Verità.
Dovrei salvarle?