Rispondi a: nibiru tornerà?

Home Forum MISTERI nibiru tornerà? Rispondi a: nibiru tornerà?

#27

Anonimo

la traduzione delle tavole sumere:

“Nella camera dei Fati, nel luogo dei Destini
Un dio fu generato, il più capace e saggio degli dei;
nel cuore del Profondo fu creato Marduk.
Attraente era la sua figura, scintillante il levarsi dei suoi occhi;
maestoso era il suo passo, imponente come nei tempi antichi
…Egli era il più alto tra gli dei, superiore in tutto…
Superbo tra gli dei, superava tutti per statura;
le sue membra erano enormi, egli era eccezionalmente alto”.

Il racconto indica quindi l'entrata di Marduk nel Sistema Solare; dopo una serie di deviazioni, la sua traiettoria si incrocia con quella di Tiamat, colpendola, inizialmente con un suo satellite:

“Il Signore distese la sua rete per avvilupparla;
il Vento del Male, che gli stava dietro, le scatenò contro.
Quando Tiamat aprì la bocca per divorarlo
Egli le spinse contro il Vento del Male,
in modo che non potesse più chiudere le labbra.
I feroci venti di tempesta quindi caricarono il suo ventre;
il suo corpo si gonfiò, la bocca si spalancò.
Egli scagliò una freccia che le dilaniò il ventre;
penetrò nelle sue viscere e le si conficcò nel grembo.
Dopo averla così domata, egli spense il suo soffio vitale”.

Successivamente Marduk transita nuovamente vicino a Tiamat, incrociandola per la seconda volta, e colpendola con la sua propria superficie: la conseguenza è che Tiamat viene divisa in due, una parte della quale formerà la cintura degli asteroidi (che attualmente orbita tra Marte e Giove), mentre l'altra parte formerà la Terra, che verrà spinta dal satellite di Marduk “Vento del Nord” (terza collisione) in un'orbita nuova assieme a Kingu (Luna), che era già uno dei dieci satelliti di Tiamat. L'Enuma Elish descrive questa serie di collisioni così:

“Il Signore calpestò la parte posteriore di Tiamat;
con la sua arma le tagliò di netto il cranio;
recise i canali del suo sangue;
e spinse il Vento del Nord a portare la parte ormai staccata
verso luoghi che nessuno ancora conosceva.
L'altra metà di lei egli innalzò come un paravento nei cieli;
schiacciatala, piegò la sua coda fino a formare la Grande Fascia,
simile a un bracciale posto a guardia dei cieli”.

“Dio Nibiru:
è colui che senza fatica
continua l'attraversamento nel mezzo di Tiamat
sia Attraversamento il suo nome
colui che occupa il mezzo

Il grande pianeta:
in apparenza, rosso scuro
il paradiso a metà divide
il suo nome è Nibiru”