Rispondi a: E' scoppiato un conflitto nei cieli?

Home Forum EXTRA TERRA E' scoppiato un conflitto nei cieli? Rispondi a: E' scoppiato un conflitto nei cieli?

#27007

deg
Partecipante

Queste cose sono già capitate.

Il 6 luglio dell'anno scorso, http://www.baab.it/digdug/index.php?mod=read&id=1215607317
Un'altro uccello?
Ma a 18.000 piedi di altezza non dovrebbero esserci uccelli in volo…………

Una testimonianza di un pilota di caccia, riguardo un tentativo d’intercettazione UFO nel 1945 negli USA:

“A quell’epoca, i cieli dello stato del Michigan erano regolarmente percorsi da “palloni” di origine sconosciuta. Essendo il trauma di Pearl Harbour ancora vivacissimo nella mente degli Yankees, sono perlopiù considerati da molti come dispositivi di osservazione e di spionaggio venuti dal Giappone. Su richiesta del comandante della base di Selfridge e in assenza di altri candidati, dopo l’esito tragico di alcuni tentativi recenti, mi offro volontario per intercettare i “palloni” e decollo in urgenza.

A bordo del mio P47, nonostante salissi di quota per raggiungere il mio obiettivo, sorprendentemente, tra il mio apparecchio e questi palloni, la distanza rimaneva immutata! Arrivato a circa 55.000 piedi (si precisa che il modello pilotato da Kisling era verosimilmente un P-47N, leggermente più potente del P47 che raggiunge comunque i 43.000 piedi – 13.100 metri – con un’accelerazione di 20.000 piedi in 4,75 minuti) e nonostante le difficoltà di pilotaggio – freddo e altitudine – riesco a sparare in direzione dei palloni una lunga raffica con le mie 8 mitragliatrici calibro 12.7 mm.

Con mia grande sorpresa, vedo questi palloni trasformarsi in dischi volanti, allontanarsi e sparire a una velocità eccezionale, lasciandosi dietro delle scie simili a quelle degli aerei a reazione a grande altitudine.

A terra, il “combattimento aereo” è seguito con attenzione da più di 1000 testimoni oculari, con binocoli a forte ingrandimento, telescopi (o quello che, all’epoca, ne faceva le veci). I militari della base si sono accorti che non poteva trattarsi di palloni di osservazione.
Di ritorno a terra, sono festeggiato come un eroe dal colonnello comandante della base. Il rapporto viene spedito al Pentagono. Non ci sarà nessun ritorno da parte delle autorità.” https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3751