Rispondi a: Bambini indaco e cristallo

Home Forum MISTERI Bambini indaco e cristallo Rispondi a: Bambini indaco e cristallo

#2746
Richard
Richard
Amministratore del forum

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.872
Una “nuova” FORZA sorprende gli scienziati e provoca l'evoluzione delle specie biologiche.

C'è un ulteriore notizia che fa luce sul suo significato . La “nuova” forza, che sta riscaldando la terra, può essere collegata all' evoluzione genetica delle specie biologiche . Per la prima volta in assoluto, un ricercatore dell'Università di Alberta ha scoperto infatti una specie animale che sta modificandosi geneticamente per far fronte al riscaldamento globale. Sono gli scoiattoli rossi, che stanno evolvendosi rapidamente in reazione, appunto, al riscaldamento globale – sono i primi mammiferi, si dice, in cui un simile cambiamento genetico sia stato osservato

E' una delle tante conferme di quanto detto dai grandi saggi della storia e, tra questi, Giordano Bruno. La Forza è la Vita che che dà vita e provoca l'evoluzione delle specie. Lo è in particolare per me che, da decenni, sto scrivendo che la Forza che non è affatto un mistero, come vogliono credere o far credere. E gli esseri umani possono evolvere? E' ovvio che sì, tanto più se consideriamo che finora abbiamo usato solo il 5% delle nostre funzioni cerebrali. C'è una forza oscura che agisce sugli uomini. E' il loro desiderio di conferme religiose, di prove scientifiche e/o di risorse economiche. Sempre più individui si stanno rendendo conto di non averne bisogno.

La conoscenza diretta è uno dei segni che anche l'evoluzione genetica del cervello umano è in atto. Sempre più sentono la forza “misteriosa” come verità interiore e sanno che la forza è intelligente. Lo è tanto da generare ed organizzare l'intero mondo biologico e da provocare, ora, la sua evoluzione genetica.
———-
Mmmmazzaò me sto evolvendo !!!! 🙂

http://www.stampa.cnr.it/docUfficioStampa/cnrWeb/2006/Giu/09_giu_06_08.htm
AMBIENTE
E' tempo di mutare
di Daniela Cipolloni

Piante che fioriscono a febbraio, pesci tropicali che nuotano nel Mediterraneo, uccelli che migrano “fuori stagione”. Che le specie animali, obtorto collo, avessero la capacità di adattarsi al riscaldamento globale, modificando abitudini, comportamenti e caratteristiche morfologiche, lo sapevamo già. Ma questa è solo metà della storia. L'altra metà la svelano questa settimana su Science due ricercatori della University of Oregon, William Bradshaw e Christina Holzapfel, che si fanno portavoce di diversi studi sulla spinta evolutiva del clima sulla fauna…