Rispondi a: Occulte presenze.

Home Forum EXTRA TERRA Occulte presenze. Rispondi a: Occulte presenze.

#28499
giusparsifal
giusparsifal
Partecipante

Non so in quanti abbiano davvero letto quello che i cattolici chiamano “Antico Testamento”. Per me, letto più e più volte è un'inesauribile fonte di fascino e di interrogativi, specialmente il primo Libro, la Genesi.
L'articolo è, dal mio punto di vista, interessante.
Il problema, sempre secondo me ovviamente, sta nell'accettare o no determinati fatti come reali (anche parzialmente) o meno.
In generale la Bibbia nel suo complesso (anche se qui vorrei parlare solo della Genesi) vive in continuazione su ambiguità, nel senso che ora le si da un significato letterale, ora uno metaforico ecc., e molte delle discussione che ne conseguono, anche quando interessanti come questa, “vivono” su questa ambiguità.
Si prendono dei passi in maniera letterale, altri in maniera metaforica e così via, “amalgamando” poi il tutto in un unico discorso.
Non so se sia la procedura giusta per capirci davvero qualcosa di più.
In realtà, la prima cosa da fare sarebbe accertarsi che la “traduzione” dall'ipotetico “originale” alla nostra lingua (nella fattispecie) sia quanto più esatta.
E' fondamentale capire questo, è la base su cui tutti i discorsi poi possono poggiare.
Farò un esempio, usando l'inglese e l'italiano.
Se un inglese mi dice “I am hungry” (Sono affamato, ho fame) ma io lo traduco e o interpreto con “I am angry” (sono arrabbiato) posso costruire un intero discorso su una base TOTALMENTE errata. E magari entrambi i discorsi che io posso costruire, se traduco ed interpreto bene o meno, risultano “giusti” ed aventi un filo perfettamente logico e plausibile.
Questo esempio che ho mostrato non è così strano, nel senso che spesso, vuoi anche per le diverse pronunce, può essere facilmente mal interpretato.
Si immagini da lingue antiche come quella dei Sumeri e/o degli Ebrei.
Ci sono libri (e non li citerò perchè l'ho fatto già fin troppe volte, persino questa mattina stessa su un altro thread 🙂 ) che propongono una traduzione (ancor prima che un'interpretazione) MOLTO differente della Genesi rispetto a quelle canoniche.
Questo articolo, seppur a mio avviso interessante, non avrebbe quasi più nessun senso (se non nella stessa differenziazione di due diversi tipi di Divinità).
La o le bugie (ove dovessero effettivamente esistere) sarebbero il “cardine” di una così enorme letteratura (teologica e non) che ha finito davvero per farci allontanare dalla presunta Verità. E questa non solo sembra perpetarsi da millenni, ma non accenna affatto a scemare.
Chi avrà mai il coraggio di insegnarci non a dirci la Verità, ma a darci una “cultura” in grado di farlo da soli?