Rispondi a: Particelle luminose impreviste ai confini del sistema solare

Home Forum EXTRA TERRA Particelle luminose impreviste ai confini del sistema solare Rispondi a: Particelle luminose impreviste ai confini del sistema solare

#29566
Richard
Richard
Amministratore del forum

“DW: Non ha senso. Questo porta ai Russi. Devi capire che i Russi sono stati contattati da queste persone, come le chiamiamo, persone da altri mondi. Anche loro sono stati informati di quello che accadrà nel 2012. Anche loro sono stati preparati.

I Russi sono stati informati sul cambiamento climatico interplanetario. Lo hanno studiato fin da quanto hanno spedito sonde. Quello che dicono apertamente i Russi….questo viene dal documento del Dr.Alexey Dmitriev intitolato “Planetophysical State of the Earth and Life” del Novembre nel 1997.

Ha dato una lista di punti specifici sul cambiamento climatico dimostrato nel sole e nel sistema solare, che io e Richard Hoagland abbiamo elaborato nel 2004 ulteriormente, con altra ricerca e portata alla NASA.
Dmitriev e i le conculsioni dei suoi colleghi sono che l'unica cosa che può causare tale cambiamento energetico è lo spostamento in una zona della galassia con una energia completamente differente.

Ancora, questo era contenuto nella canalizzazione di George Hunt Williamson del 1958, “Road in the Sky”, questa canalizzazione che diceva cosa fosse, che ci stiamo muovendo in una nuvola cosmica di energia con maggiore carica e che avrebbe cambiato gli schemi energetici di base dello spazio, il tempo e l'elettromagnetismo per come lo conosciamo.

GN: Ora, cosa credi che avverrà a tutti noi?

DW: Sembra che ci troviamo in un enorme laboratorio spirituale e che la Terra sia una scuola. Ci deve insegnare ad amarci tra noi. Ci viene dato un periodo di tempo finito in cui apprendere la lezione.
Per quelli che non vogliono apprendere la lezione dell'amore, alla fine del ciclo si reincarneranno su altri pianeti in cui potranno continuare il curriculum.”
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4286

“Questo ciclo ha direttamente causato le ultime tre inversioni dei poli magnetici della Terra, una considerevole sequenza di terremoti estremamente potenti ed innescato l’esplosione di stelle “supernova” in aree vicine della nostra stessa Galassia [6]. Praticamente tutti gli insegnamenti religiosi del mondo sono nati durante uno di questi punti del ciclo, compresi Krishna, Vyasa, Zaratustra, Gautama Buddha, Fu-Si, Lao-Tzu, Confucio, Pitagora, Platone ed altri, ed il Cristianesimo [6]. Praticamente tutte le civiltà antiche conosciute hanno anche creato calendari durante questi periodi, compresi Cina, India, Babilonia, Egitto, Maya eccetera [6]. E ora grazie al lavoro del dott. Aleskey Dmitriev [1], abbiamo anche visto come l’intero Sistema Solare stia mostrando segni di un cambiamento energetico in continuo aumento.

E’ assolutamente ragguardevole che i Maya siano stati in grado di codificare questo ciclo così chiaramente nel loro Calendario, con le sue connessioni non solo al fenomeno lineare della precessione ma anche ad un fenomeno esponenziale basato su “Phi” che ha effetti energetici tanto evidenti sia sulla materia piana sia nella sfera della coscienza. E’ ancor più ragguardevole che questo ciclo ticchettasse in avanti con sempre maggior intensità fino al momento in cui la posizione precessionale della Terra fosse in allineamento perfetto con il centro della Galassia. I misteri di come e perché tutti questi cicli si rapportino sarà svelato e integrato nel nostro prossimo libro finale, The Divine Cosmos.”
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.946

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_08.htm
“Quello che questo passo ci sta realmente dicendo è che si è formato un nuovo strato di plasma luminoso che circonda il Sistema Solare e che sta ora scorrendo verso il Sole, i pianeti e lo spazio interplanetario, accrescendo tutti i livelli di attività energetica che abbiamo osservato. Le sezioni seguenti di questo capitolo forniranno i dettagli specifici di questa trasformazione energetica. Tuttavia, prima di vedere la prova che ci circonda, è interessante indagare sul grande interrogativo che c’è nelle menti dei lettori occidentali:

“Se tutto ciò sta realmente accadendo, allora perché la NASA non ne ha mai parlato?”

Come vedremo, secondo un illustre Ph. D. [=Dottore in Filosofia, n.d.t.], la NASA sembra avere una “persistente, perniciosa predisposizione” contro ogni discussione sulla trasformazione dell’Eliosfera, e assume automaticamente, senza possibilità di discussione, che il LISM debba mantenere una “densità uniforme”. Altre, più esoteriche, spiegazioni sono state proposte per l’incremento energetico e la luminosità osservati che non hanno la semplicità e l’eleganza del modello di Dmitriev, come “il vento solare riaccelerato”.

Una rara eccezione che abbiamo trovato alla regola dell’ “invariabile densità del LISM” è stata in un’intervista del 1999 con Gary P. Zank all’Università del Delaware. [42] In questa intervista il dott. Zank ammette che se la densità del LISM stesse per cambiare potrebbe risultarne una catastrofe, e noi “potremmo non sapere quando questo starebbe per avvenire”:

“Siamo circondati da gas caldo” dice ”Quando il nostro sole si muove attraverso lo spazio interstellare estremamente ‘vuoto’ o a bassa densità, il vento solare produce una bolla protettiva: l’eliosfera intorno al nostro sistema solare, che permette alla vita di fiorire sulla Terra. Sfortunatamente possiamo imbatterci in una piccola nuvola in ogni momento, e probabilmente non la vedremo arrivare. Senza l’eliosfera, l’idrogeno neutro interagirebbe con la nostra atmosfera, producendo probabilmente catastrofici cambiamenti climatici, mentre la nostra esposizione alle mortali radiazioni cosmiche in forma di raggi cosmici ad altissima energia aumenterebbero”.

Zank ha usato lo SDSC CRAY T90 nei suoi studi sull’eliosfera, il manto di vento solare che circonda il sistema solare. Due effetti inclusi nella simulazione assicurano che l’interazione del vento solare con il medium interstellare locale non è stazionario. La pressione del vento solare varia su una scala temporale di 11 anni, e durante tutte le fasi del ciclo solare si presentano forti shock (sebbene la loro frequenza possa variare)… I calcoli di Zank suggeriscono che gli strumenti esistenti potrebbero non rilevare un incremento nel LISM sufficiente a comprimere o collassare l’eliosfera prima che l’interazione stessa sia già cominciata. [grassetti aggiunti]”..

La Seconda Parte di questo libro tratterà specificatamente della connessione tra energia eterica, coscienza e biologia, aiutandoci a comprendere la verità dietro le parole di Dmitriev. Stabiliremo che i cambiamenti di cui siamo attualmente testimoni sono identiche alle precedenti fasi di evoluzione di massa della coscienza delle forme di vita sulla Terra, come per la teoria di Steven Jay Gould dell’ “equilibrio enfatizzato”. Questi cambiamenti energetici influiscono direttamente sulla struttura delle molecole del DNA.”