Rispondi a: Che cos'è il male?

Home Forum SPIRITO Che cos'è il male? Rispondi a: Che cos'è il male?

#296396
Siberian Khatru
Siberian Khatru
Partecipante

Stavo leggendo Ermete Trismegisto Corpus Hermeticum purtroppo e’ un pdf e non posso copiare frasi essendo come una foto di un libro. Si pensa sia stato scritto prima di Mose’ quindi non influenzato dagli insegnamenti di gesu’ e dice che il bene e’ solo di Dio e nessun uomo e’ buono in quanto fatto di materia. Nei vangeli abbiamo una testimonianza… Gesu si arrabbio quando gli dissero sei buono. «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo»
Ermete dice che due sono i nomi per chiamare Dio una e’ padre e l’altra buono.
Gesu, in quanto alla materia rifiuta il nome buono/bene e lo dice anche “Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra: sono venuto a portare non pace, ma spada!” (Matteo 10,34)
Solo il Dio invisibele ai sensi e’ buono quindi il bene che non si vede non si sente e non si tocca e’ il bene.
Per metafora una medaglia ha due facce chiamale come ti pare il bene e il male … la verita’ e’ che la medaglia non esiste. La medaglia e’ Dio che l’ha creata. Nel nostro mondo esiste il bene e il male perche’ lo creiamo noi Dio ha creato solo la medaglia noi il significato. Allora se Dio crea e noi mettiamo bene e male siamo noi nell’errore perche’ tutte le cose a cui diamo un valore hanno una dualita’. Tutto e’ creato, il mondo e’ compiuto e noi stiamo nella dualita’ mentre Dio e’ uno. Questa e’ la separazione ovvero satana colui che divide.
Il male e’ un errore che creiamo noi nel credere che esista un bene quasi sempre come sia un vantaggio per noi ma in verita’ solo uno e’ buono cioe’ colui che a creato.


« Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
Jean Baudrillard