Rispondi a: Contatto massivo quando?

Home Forum EXTRA TERRA Contatto massivo quando? Rispondi a: Contatto massivo quando?

#296615
farfalla5
farfalla5
Partecipante

D.Wilcock: Gli ET hanno dato l’Ultimatum all’Élite
David Wilcock
commenta e completa l’articolo di B. Fulford del 21 luglio 2014

Una relazione (quella di Fulford, vedere QUI; ndt) molto interessante questa settimana. Sono sempre più chiari i segnali che un vero cambiamento è in corso.

Lo stiamo vedendo accadere “sotto i nostri occhi” e i miei sogni convalidano che queste ultime acrobazie hanno creato un “punto di non ritorno” per la Cabala.

I suoi componenti sebbene disperati, e ne sto ricevendo conferma sogno dopo sogno, hanno veramente soffiato parecchio sull’ultima ondata di violenza. Così hanno finalmente indotto il resto del mondo ad attuare l’iniziativa di raggrupparsi insieme e porre termine a tutto questo.

La sola cosa notevole che vorrei aggiungere al rapporto di Ben, è l’oggetto di un nuovo importante aggiornamento sul quale sto lavorando adesso.

Sono in Colorado questa settimana per le riprese di due miei spettacoli televisivi imperniati su alcuni Insegnamenti di Saggezza e la nuova Rivelazione, così sarò probabilmente troppo occupato per pubblicare prima di allora, ma eccone la versione abbreviata.

Preston James e Gordon Duff di Veteran Today stanno riferendo entrambi che si è verificato un passaggio critico nel rapporto tra gli ET umani benevoli che ci aiutano e la Cabala.

All’Élite è stato dato un Ultimatum finale. Credo sia necessario un qualche tipo di Intervento Divino per ripulire effettivamente questa babele dovuta al sistema in cui è radicata la piramide di potere. (Di questo evento, durante l’anno 2014, ne parla anche un messaggio di Monique Mathieu, QUI; ndt).

Essa si è basata per lungo tempo (in senso letterale e figurato) sull’idea che gli ET potessero solo guardare ciò che accade, ma non interferire.

Questo è stato vero in passato, ma le regole sono cambiate a partire dalla fine del 2011, quando gli extraterrestri hanno iniziato a rendere inutilizzabili 28 installazioni sotterranee che conosciamo. (Sembra siano quelle dei Rettiliani, vedere QUI e QUI; ma anche QUI e QUI; ndt).

Ben ha parlato di questo e anch’io me ne sono occupato ampiamente nei miei precedenti articoli.

Tutto ciò non concerne che una parte delle strutture esistenti, per cui sembra sia intercorso qualche patto che abbia fermato il compimento di questo processo iniziato nell’agosto 2011 e proseguito intorno al gennaio seguente.

Questa è solo un’ipotesi, ma l’accordo può aver incluso la “Divulgazione” da attuarsi in un certo momento ed un ritiro pacifico degli ex-Poteri forti. Nonostante l’evidente superiorità tecnologica degli Esseri benevoli, il pathos della Cabala è tale che semplicemente li sfiderà ad agire.

Quindi, secondo le fonti di James e Duff, i Galattici avrebbero dato all’Élite un Ultimatum finale.

Sul piano fisico, penso che l’edificazione della banca BRICS non solo fornisca un’infrastruttura alternativa nel caso in cui la Cabala tentasse di infiammare il sistema finanziario, ma produca anche un certo consenso spirituale tra gli extraterrestri affinché possano intervenire.

Essi necessitano della nostra libera richiesta per sentirsi autorizzati ad agire. (Vale quindi il “Chiedete e vi sarà dato!” Lc. 11-9,13 ‒ ndt).

Fino a quando, a livello globale, non fossimo stati abbastanza coraggiosi per crescere, lottare e compiere qualcosa di tangibile, come la creazione di questo nuovo organismo finanziario, gli extraterrestri non avrebbero potuto intervenire con forte risolutezza come invece lo possono ora che abbiamo fatto il lavoro.

Potrebbe passare ancora un po’ di tempo prima di comprendere la misura in cui la nostra famiglia allargata ci abbia assistito attraverso l’intero processo.

Tuttavia, un altro punto chiave di James e Duff è che ora sta avvenendo una battaglia all’interno della Cabala stessa tra i membri più anziani e i più giovani.

Questi ultimi non aderiscono più alla mentalità “genocida” e non vogliono più essere coinvolti in un gioco simile. Queste fughe indicano che ci sono avanzamenti positivi tra le nuove generazioni che rilasciano ogni sorta di informazioni atte a farci progredire come pianeta.

Credo che stiamo assistendo a tanti splendidi ed inediti balzi in avanti nell’avvicinamento alla “Disclosure” attraverso i mezzi di comunicazione di massa.

C’è stato un grande passo il 22 giugno, con tre potenti storie che sono venute alla ribalta lo stesso giorno o l’indomani, e ce ne sono state altre da allora. Osservo il contenuto aggregativo dei siti d’informazione, perciò è facile vedere ciò che accade.

Ritengo quindi che la formula del “Prima la Cabala sarà sconfitta, prima avverrà la Divulgazione” sia vera. Qualsiasi tipo di significativa rottura della facciata avrà presto l’effetto di una valanga di verità, dove gli individui inizieranno a mettere in discussione tutto ciò che pensavano di sapere.

Questo è un tempo molto entusiasmante, perché le cose che Ben, Neil Keenan e molti altri hanno reiteratamente detto stanno concretizzandosi ora.

Le ultime notizie riguardo all’NSA rivelano il grado massiccio con cui la Cabala ha contrastato certe persone che operano, come stiamo facendo noi, in rete. Non abbiamo alcun modo di sapere quanto vasta sia l’ampiezza di questo fatto.

Posso agevolmente stimare che ben 75 posti di lavoro siano stati creati in passato solo attraverso il mio operato e gli attacchi che mi vengono rivolti.

So che esisteva un elenco presso la CIA di chi, in questo campo, sarebbe stato messo a tacere per primo ed io, per un certo periodo, ero ai più alti livelli della lista.

Comprendo che le persone hanno la necessità di sostenere e nutrire le proprie famiglie, ma se realizzassero che così facendo permettono ad una macchina omicida di distruggere il pianeta, sarebbero inorridite e abbandonerebbero del tutto la loro attività.

Adesso le prove esistono. Dati tangibili stanno sempre più sostituendo le voci degli informatori e, nel mio caso, elementi intuitivi registrati ogni giorno per 21 anni attraverso la fonte affidabile dei miei sogni. È davvero un momento molto emozionante!

David Wilcock

Traduzione: Sebirblu.blogspot.it

Fonte


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

  • Questa risposta è stata modificata 4 anni, 1 mese fa da prixi prixi.