Rispondi a: EBOLA come difenderci

Home Forum SALUTE EBOLA come difenderci Rispondi a: EBOLA come difenderci

#298806
camillo
camillo
Partecipante

Hai ragione, ma solo in parte. A volte il vedere tutto condizionato dal dio denaro, da interessi occulti finisce per essere una scusa per non guardare, per non voler capire…
Consideriamo per esempio:
http://www.nbcnews.com/storyline/ebola-virus-outbreak/american-fights-liberias-orphans-despite-her-own-ebola-scare-n230186

Parlate con Katie Meyler per 30 secondi e si capisce perché i bambini la amano. …
… lavora: Monrovia, capitale della Liberia e la capitale della epidemia di Ebola devastando l’Africa occidentale. Per nove anni, Katie ha usato la sua abilità e la passione per cercare di migliorare la vita dei bambini in questa nazione impoverita di 4 milioni di persone. L’anno scorso la prima scuola senza lezioni in uno dei quartieri più poveri di Monrovia.

Ebola ha costretto il governo a chiudere l’accademia e di tutte le altre scuole per cercare di fermare l’epidemia. Imperterrita, Meyler sta ora utilizzando la sua costruzione e risorse per aiutare i bambini vittime due volte dalla malattia, i bambini che ora sono orfani e reietti all’interno della loro comunità.
I governi si sono mossi solo dopo che hanno visto minacciata la loro nazione, in questo caso la paura ha avuto dei risvolti positivi. I diagrammi di espansione da un punto di vista matematico sono ancora allarmanti. Molto allarmanti.

L’altra faccia della medaglia è l’atteggiamento di Don Ferrante nei promessi sposi..

Una pagina da “I Promessi Sposi” Cap. 37

“In rerum naturà, ” diceva, ” non ci son che due generi di cose: sostanze e accidenti; e se io provo che il contagio non può esser né l’uno ne l’altro, avrò provato che non esiste, che ‘è una chimera. E son qui. Le sostanze sono, o spirituali, o materiali. Che il contagio sia sostanza spirituale, è uno sproposito che nessuno vorrebbe sostenere; sicché è inutile parlarne. Le sostanze materiali sono, o semplici, o composte. Ora, sostanza semplice il contagio non è; e si dimostra in quattro parole. Non è sostanza aerea; perché, se fosse tale, in vece di passar da un corpo all’altro, volerebbe subito alla sua sfera. Non è acquea; perché bagnerebbe, e verrebbe asciugata da’ venti. Non è ignea; perché brucerebbe. Non è terrea; perché sarebbe visibile. Sostanza composta, neppure; perché a ogni modo dovrebbe , esser sensibile all’occhio o al tatto; e questo contagio, chi l’ha, veduto? chi l’ha toccato? Riman da vedere se possa essere accidente. Peggio che peggio. Ci dicono questi signori dotti che si comunica da un corpo all’altro; ché questo è il loro achille, questo il pretesto per far tante prescrizioni senza costrutto. Ora, supponendolo accidente, verrebbe a essere un accidente trasportato: due parole che fanno ai calci, non essendoci, in tutta la filosofia, cosa più chiara, più liquida di questa: che un accidente non può passar da un soggetto all’altro. Che se, per evitar questa Scilla, si riducono a dire che sia accidente prodotto, danno in Cariddi: perché, se è prodotto, dunque non si comunica, non si propaga, come vanno blaterando. Posti questi princìpi, cosa serve venirci tanto a parlare di vibici, d’esantemi, d’antraci … ? ” ” Tutte corbellerie, ” sparò fuori una volta un tale.

” No, no, ” riprese don Ferrante: ” non dico questo: la scienza è scienza; solo bisogna saperla adoprare. Vibici, esantemi, antraci, parotidi, bubboni violacei, furoncoli nigricanti, son tutte parole rispettabili, che hanno il loro significato bell’e buono; ma dico che non che fare con la questione. Chi nega che ci possa essere di queste cose, anzi che ce ne sia? Tutto sta a veder di dove vengano.” … His fretus, vale a dire su questi bei fondamenti, non prese nessuna precauzione contro la peste; gli s’attaccò; andò a letto, a morire, come un eroe di Metastasio, prendendosela con le stelle.


  • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 11 mesi fa da camillo camillo.
  • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 11 mesi fa da camillo camillo.
  • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 11 mesi fa da camillo camillo.