Rispondi a: Umanite

Home Forum L’AGORA Umanite Rispondi a: Umanite

#299007
Manuelito
Manuelito
Partecipante

Avete mai provato a far del bene a qualcuno? E malauguratamente vi è mai capitato di riuscirci? Da quel giorno in poi, questo qualcuno vi si attaccherà addosso come una piattola, non riuscirete più a liberarvi di lui.

E’ lo stesso meccanismo che fa in modo che la gente porti con se l’immagine di Gesù Cristo, o della madonna, o santi vari. Gli si attaccano addosso come cozze allo scoglio e non l’abbandonano più.
E questo non perché stimino il personaggio, o i suoi insegnamenti, non perché ne hanno afferrato l’essenza naaaa, lo fanno solo perché non saprebbero che altro fare. Quando un umano medio arriva agli insegnamenti cristici, non ne carpisce l’essenza per poi metterla in pratica, no…si limita ad adorare il personaggio, a rivolgersi a lui ogni qualvolta ne ha bisogno (praticamente sempre)

La stessissima cosa capita col santone di turno. Alla fine diventa più importante il messaggero che il messaggio….perchè secondo voi? Secondo me, è per colpa del meccanismo di cui parlavo sopra. E se così fosse, da qui non se ne esce più. Hai voglia di fare seminari, di riscrivere bibbie, ma manco se riscendesse Ra in persona…infatti hanno scambiato anche lui per una divinità ed hanno cominciato ad adorarlo fino a costringerlo ad una ripartenza di fretta e furia per evitare di complicare ulteriormente le cose.

Ciò sta a significare (dal mio punto di vista) che l’umano, nella condizione in cui si trova, usi più l’icona che l’insegnamento. E questo (sempre dal mio punto di vista) è abbastanza “grave”. Nella conformazione in cui si sono venuti a trovare, gli umani diventano solo numeri, prodotti vendibili in qualsiasi momento…carne da macello insomma.

Io sono oramai convinto del fatto che noi terrestri si venga qui soprattutto per imparare. Come tutte le altre (infinite) Entità che sperimentano, anche il cazzone umano terrestre per lo più è venuto quaggiù (o quassù dipende dai punti di vista) per imparare. Ebbene, come si può imparare in queste condizioni?
Io sono però anche dell’idea che sia proprio la crisi a generare quella scintilla che potrebbe farti muovere in avanti, ma su questo Pianeta anche la crisi sembrerebbe avere in sé qualcosa di fittizio, di inutile, di preconfezionato.
Esistono due tipi di sofferenza: una che ti aiuta a crescere, l’altra è solo sofferenza e basta. A me pare che su questo Pianeta abbondi la seconda ipotesi.

Io alcuni meccanismi credo di averli capiti e come me, credo proprio che questi stessi meccanismi siano stati capiti da un fottio di umani terrestri prima di me, anzi a dire il vero, di scritti di gente che cerca di metterti in guardia da questi meccanismi ne sono piene le biblioteche e le cineteche, ma anche se sono fondamentalmente d’accordo con l’introduzione alla struttura Matrix di Morpheus a Neo…

“…Matrix è un sistema, Neo. E quel sistema è nostro nemico. Ma quando ci sei dentro ti guardi intorno e cosa vedi? Uomini d’affari, insegnanti, avvocati, falegnami… le proiezioni mentali della gente che vogliamo salvare. Ma finché non le avremo salvate, queste persone faranno parte di quel sistema, e questo le rende nostre nemiche. Devi capire che la maggior parte di loro non è pronta per essere scollegata. Tanti di loro sono così assuefatti, così disperatamente dipendenti dal sistema, che combatterebbero per difenderlo.”

…non potrei mai adorare lo sceneggiatore (in questo caso gli sceneggiatori che non ricordo manco i loro nomi) come nemmeno ho adorato Platone dopo aver letto la “sindrome della caverna”….però ho compreso il meccanismo.

Questo stesso meccanismo, che poi è legato a quello che spiegavo nel mio primo intervento, genera altri tipi di meccanismi di varie forme e colori (fra cui l’appartenenza… ad una religione, ad uno stato, ad un paese, ad un partito politico, ad un club, ad una associazione, ad una squadra di calcio)che determinano poi l’andazzo generale planetario.

Dal mio punto di vista, la situazione di adesso che coinvolge l’umano che sperimenta su di questo Pianeta, è come avere 4 in tutte le materie a due giorni dalla chiusura dell’anno scolastico.