Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#299708
camillo
camillo
Partecipante

Gli amici mi confermano che sono state acquistate 500 piastre di rame e 500 di zinco.
Le piastre di rame devono essere trattate e nano-strutturate con quel materiale nero che a me sembra tanto un ossido di rame. Qualsiasi cosa sia si tratta dello stesso materiale che si deposita sul rame nell’esperimento con bottiglia di coca-cola.
La nanostrutturazione crea, a detta di Keshe un deposito ordinato di atomi con un campo bilanciato (non ho capito bene in cosa consista). Comunque questa struttura reticolare ordinata porta alla formazione di questo strano GEL che Keshe chiama Gans.
La novità sta nel fatto che il Kit è in vendita ad un basso costo circa 25 Eu quindi dato il costo irrisorio è esclusa l’azione fraudolenta.
A cosa mira Keshe?
Questo “gans” che si forma, a suo dire è ricco di anidride carbonica catturata dall’aria. A questo proposito Keshe sostiene che nella superficie del liquido, costituito da una soluzione acquosa con sale da cucina al 15–> 20%, dopo un po’ di tempo si forma un velo di sostanze proteiche (altamente nutrienti a suo dire) che va tolto sistematicamente per permettere lo scambio della superfice del liquido con l’anidride carbonica dell’aria.
Il Gans (gel) che si forma può essere analizzato e confermare il suo dire.
Keshe aggiunge che questo strano materiale detto Gans ha caratteristiche molto interessanti, è con una sua variante che lui avrebbe (condizionale) dimostrato che riesce a operare sui liquidi radioattivi di Fukushima, altri impieghi sarebbero dati dall’uso per depurare le acque. Keshe nel kit mette una grossa siringa che permette di raccogliere questo gans e accumularlo per poi sfruttarlo per esempio per creare un generatore di corrente. egli ha effettivamente dato dimostrazione che collegando opportunamente provette con il gans i serie tra di loro con dei fili di rame nanostrutturati, produce un voltaggio di circa 0,5 volt mettendoli in serie e collegando dei condensatori di accumulo ha dimostrato che riesce a far girare le ventole dei computer. Però solo per tempi brevi, poi occorre aspettare che si ricarichi il condensatore. In pratica non è dato da sapere la potenza in uscita reale.
Keshe proporrà un secondo kit per questa applicazione.
Keshe sostiene di essere addivenuto a questi risultati mediante la ulteriore comprensione di come la materia possa essere sempre vista come fatta da tre elementi (materia, antimateria, materia oscura) il simbolismo c’è sempre in ogni cosa, solo che non siamo in grado di coglierlo.
Keshe ritiene che dato che tutti possono farselo a casa con poca spesa, tutti potranno controllare i risultati in modo autonomo e al riparo da ogni contestazione. Egli spera che questa “nuova chimica” apra le porte ad una nuova e più attenta visione di cosa sia la materia nel suo aspetto primordiale, che poi si ripete identicamente sempre più in grande ma sempre più confuso e difficile da essere colto.

Riferito questo per onore di cronaca, personalmente starei ATTENTO a credere senza verificare. Se son rose fioriranno. Se non lo sono beh.. avremo perso un po’ di tempo ma non del denaro, visto il basso costo del kit.