Rispondi a: Il signor Peterson Troll, ovvero Wilcock e gli alieni di Obama del 27…

Home Forum EXTRA TERRA Il signor Peterson Troll, ovvero Wilcock e gli alieni di Obama del 27… Rispondi a: Il signor Peterson Troll, ovvero Wilcock e gli alieni di Obama del 27…

#30038

Anonimo

Facendo un passo indietro di qualche tempo, la storia inizia con due uomini, Bill Rayan e Kerry Cassidy, entrambi appassionati di ufologia. I due creano un progetto di ricerca su internet, chiamato “Camelot”, il cui scopo è rintracciare nella rete tutte le notizie cancellate o nascoste sugli ufo e sulla razza aliena. E’una ricerca complessa tra siti oscurati, materiali inediti e censurati, con l’obiettivo di portare alla luce del materiale mai visto.

La Casa Bianca
Navigando con attenzione nel World Wide Web, i due appassionati si imbattono in un nome, Peter Peterson. A quanto sembra, è la persona che ha diffuso la notizia della conferenza stampa del 27 Novembre. Indagando più a fondo, Ryan e Cassidy non riescono però a trovare delle notizie più dettagliate sull’individuo. Anzi, sembra che di Peterson ne esistano più di uno, tra cui un ricco miliardario e un inventore. Ancora più sorprendente è che questi due Peter, vivendo addirittura in nazioni diverse, abbiano tuttavia lo stesso volto. La conclusione a cui giunge Ryan è semplice: Peter Peterson è un nome di copertura per nascondere qualcun altro. O qualcos’altro.

La ricerca in rete però prosegue, e Kerry e Bill arrivano ad altri due nomi, dietro i quali potrebbe nascondersi la vera identità di Peterson: David Wilcock e Richard Hoagland. Questi ultimi esistono entrambi realmente, il primo è un “veggente” ufologo, presente in tutte quelle situazioni in cui in qualche modo si parla di extraterrestri. Ma non è un personaggio altamente credibile. Il secondo invece è un esperto di studi sulla Luna e vanta una conoscenza molto grande sull’argomento. Sarebbero stati loro due, secondo il lavoro svolto dal progetto Camelot, a diffondere l’annuncio della conferenza stampa di Obama.

I due uomini ne sarebbero stati assolutamente sicuri: già la scorsa estate avevano annunciato a Zurigo che il mondo sarebbe stato avvertito gradualmente dell’esistenza degli alieni, allo scopo di non suscitare panico e “raffreddare” così la notizia, rendendola più digeribile e meno clamorosa. Questo compito sarebbe stato svolto progressivamente dalla Nasa, con dichiarazioni di eventi incredibili come quello della scoperta di una sospetta base lunare tramite l’applicazione Google Moon .

non solo ticino online ne parla : http://www.wakeupnews.eu/public/wordpress/?tag=politica