Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#303526

Omega
Partecipante

@camillo
Beh, avendo detto che i “buoni” dormono, il mio intento è chiaramente responsabilizzare, invitare tutti all’azione. Non esiste la fortuna, i “buoni” dormienti non sono vittime di qualcuno, ognuno ha quello che si merita. Chi odia o uccide non è forse il male? Chi ama o rende felice il prossimo non è forse il bene? Non esiste predestinazione, è una grave eresia, non esiste il destino. Il “buono” che dorme ovvero morto dentro non è innocente. Gli oppressi evidentemente vogliono sperimentare l’oppressione, altrimenti non si spiega perché dormono da millenni. Gli uomini della Terra non sono poveri bambini che non possono farci niente, ho indicato le possibili soluzioni, ognuno faccia la sua parte. Il Creatore chi è? Uno bellissimo. E se tutto dipendesse dal nostro intimo essere? Certo siamo esseri al 100% liberi, la Sorgente non interferisce ma guida unicamente colui che fa richiesta esplicita accettando le rispettive condizioni. La libertà di dire la propria opinione e di scegliere la filosofia o religione che più ci aggrada, è fondamentale. Se ci fosse un Creatore che guida pedissequamente non ci sarebbe libertà? Siamo d’accordo, il Creatore s’intromette nella vita del Giusto soltanto quando quest’ultimo è in pericolo di vita oppure quando dopo averle provate tutte non può risolvere un problema in quel senso dicevo “essere guidati”. Non serve altro ed il Padre – quello vero – lo sa essendo un ottimo educatore. I limiti ognuno se li sceglie, dinamicamente, le leggi naturali fanno parte del nostro DNA, quindi non abbiamo bisogno di essere bacchettati da un dio, cardinale, o idolo. Le categorie sociali sono fittizie perché spesso coloro che si ritengono i più bravi non hanno fatto niente di significativo per l’Umanità. Però “migliorare” se stessi ovvero riscoprire le grandi potenzialità della coscienza che siamo, diventa impossibile quando si prende una direzione arida o illusoria, e si è convinti che “va tutto bene”. Per aiutare costoro disinteressatamente e gratis, i creatori (Elohim) hanno inviato profeti e saggi in ogni epoca. Chiunque si accorge che nonostante la buona volontà non riesce a progredire un milimetro come se fosse bloccato, ipnotizzato dalle circostanze, dovrebbe – ma non c’è l’obbligo – attingere dagli scritti originali degli inviati dei “Cieli” (altri pianeti) quindi rivolgersi in Alto, sarà guidato verso la felicità eterna e l’autorealizzazione. Se sceglie di non farlo, non può lamentarsi. Non ne ha il diritto. Un vero credente cosiddetto, non è mai rassegnato né violento né impotente. Ovvio, è ancor meglio vivere da veri Esseri umani senza alcun aiuto esterno, senza aver contattato direttamente il Padre nostro, anzi, i Padri nostri, che sono nei Cieli.. e potenzialmente “ovunque”.