Rispondi a: Inganno e religione

Home Forum L’AGORA Inganno e religione Rispondi a: Inganno e religione

#304868

Omega
Partecipante

@wind said:
“posseduta”

Ah ah mica parlavo di te (e come potrei?), ho riportato le esperienze reali che mi hanno raccontato alcuni amici virtuali e ricercatori, perché quelle Entità gli hanno dato informazioni simili se non uguali (che “noi creiamo l’universo”, che “tutte le religioni sono false”, etc). Per quale motivo dovrei censurare questo aspetto importante delle comunicazioni con l’ignoto? Non sia mai. Il non menzionare anche i pericoli sarebbe deresponsabilizzante, da parte mia. Il fenomeno esiste? Certo. Allora bisogna parlarne. Non esiste? Puoi dimostrarlo? Non ho paura di discutere di nessun argomento, e dico: “se non ora, quando?”. Tornando in topic, il Paradiso è innanzitutto interiore, lo stato d’Essere del Giusto (Equilibrato, Centrato), ovunque si trova, ma ciò non esclude uno, o più di un luogo concreto specifico. Ebbene in quel luogo-non-luogo non si arriva in branco o in famiglia e tanto meno raccomandati ma esclusivamente da soli, grazie alle opere, liberi come gli Angeli dove nessun legame Terrestre è ammesso anzi, ogni attaccamento residuo dimostrerebbe solamente di non essere ancora “pronti” o “adatti” a quel livello di esistenza. Questo luogo-non-luogo è aperto a tutti quindi nessun “numero chiuso”, tuttavia non possiamo negare che attualmente sono in pochi a meritare l’ingresso nelle civiltà cosmiche talmente evolute, anche se conosco teorie secondo le quali tutti gli uomini sarebbero “destinati” al Paradiso, nel quale qualcuno avrebbe incontrato persino Adolf Hitler. Dal momento che percepisco me stesso come coscienza, già ora (da sempre) pur avendo un corpo, non vedo il problema se nel “Paradiso” dovessi “apparire” o “entrare” con un Corpo Celeste, per me sarebbe indifferente con o senza perché, per me, non esiste la divisione tra Materia, Energia, “Spirito”, Coscienza, Essere. Coloro che si preoccupano soltanto del “proprio” figlio non hanno imparato il significato della parola amore, i figli non sono la proprietà di nessuno. Lo sai perché mi piace questa conversazione, questo topic? Perché, insieme, in un paio di post siamo riusciti a sfatare una marea di luoghi comuni e a ridefinire termini piuttosto oscuri, cosa rara al giorno d’oggi. Penso che il “potere” osa comandarci proprio perché i popoli non sanno più distinguere tra le vere e le false religioni, il “potere” sa molto bene che abbiamo smarrito l’unica difesa naturale che abbiamo (avuto) – ecco perché se ne approfitta, e sarà/ o potrebbe essere sempre peggio.