Rispondi a: Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse

Home Forum L’AGORÀ Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse Rispondi a: Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse

#305162

orsoinpiedi
Partecipante

Perchè la gente non si accorge di nulla?

Lavaggio del cervello delle masse

Alle 8:00 di sera,del 30 ottobre 1938, la notte prima di Ognissanti, oggi generalmente celebrato come Halloween, circa sei milioni di americani ascoltarono alla radio Orson Welles in “La guerra dei Mondi. “La trasmissione descriveva un’invasione extraterrestre proveniente da Marte. Circa un milione di ascoltatori credettero vera la storia,ed ebbero reazioni di enorme paura. Migliaia ceddero nel panico.
La trasmissione è stata un esperimento di guerra psicologica condotta dal progetto Radio Princeton. La Fondazione Rockefeller ha finanziato il progetto nell’autunno del 1937. Un Ufficio di Ricerca Radio è stato istituito con Paul F. Lazarsfeld come direttore, e Frank Stanton e Hadley Cantril come direttori associati. Cantril ha usato una speciale borsa di studio della General Education Board dei Rockefeller per studiare gli effetti della trasmissione. Cantril ha pubblicato lo studio in un libro intitolato “The Invasion From Mars – A Study In The Psychology of Panic.”.Il libro fa parte di una serie di studi promosso dal Comitato federale Education Radio.

“La guerra dei mondi” è stato trasmesso da uno studio di New York della Columbia Broadcasting System. Frank Stanton,allora dirigente della CBS,era anche membro del Council on Foreign Relations. Stanton avrebbe poi diretto Radio Free Europe. Per quanto riguarda il realismo dei programmi Cantril scrive: “L’eccellenza assoluta drammaticità della trasmissione non deve essere trascurato. Il realismo insolito della performance può essere attribuito al fatto che le parti iniziali della trasmissione rientra all’interno delle norme esistenti di giudizio degli ascoltatori … ”

Ho iniziato questo discorso,con questo esempio, per farvi capire quale potenza hanno i mass media se utilizzati per i propri scopi.Ma chi puo e perche si vogliono manipolare i mass media?

Documenti rivelano Rockefeller Foundation Attivamente impegnata nello Mass Mind-Control

Jurriaan Maessen
Infowars.com
4 marzo 2012

Dal materiale d’archivio a partire dal 1940, è diventato evidente che la Fondazione Rockefeller è ormai da decenni fanaticamente nutrito la ricerca nella paura che induce le tecniche di lavaggio del cervello per le masse.

In una serie di sovvenzioni generose negli anni 1940-e ’50, esteso al professor Carl I. Hovland della Yale University, la Fondazione ha finanziato attivamente la ricerca “i meccanismi psicologici della comunicazione attraverso i quali esercitano la loro influenza”. Principali offerte di soggetti di ricerca con la questione della “come le offerte individuali con la ridda di idee contrastanti con la quale è costantemente bombardata; come” wishful thinking “e pregiudizi emotivi influenzano giudizio, e se il processo di giudizio viene trasferito da una situazione all’altra sono tra i problemi da studiare”, si legge nella relazione annuale 1954 Rockefeller .

Hovland, oltre a condurre ricerche in atteggiamento cambia-comportamentali e di gruppi, era anche parte dello staff di scienze sociali della Fondazione Rockefeller. In aggiunta a ciò, il professore fu pesantemente coinvolta in altri rami della anglo-americano. In studio le origini della ricerca sulla comunicazione di massa durante la guerra americana fredda da Timothy Glander, l’autore spiega:

“(…) Hovland ricoperto posizioni chiave su diversi assi principali nazionali, comprese le risorse umane dell’Air Force Research Institute, la Fondazione Ford, la Fondazione Rockefeller, l’Ufficio del Capo di Stato Maggiore della US Air Force, e lui senza dubbio hanno fornito un contributo nella determinazione dei programmi di ricerca che queste organizzazioni perseguiti “.

Già nel 1948 la Fondazione stava dirigendo verso la cassa Hovland e la sua squadra. Nel 1948 rapporto gli autori ha delineato le ragioni che stanno dietro gli aiuti concessi:

“La comprensione della comunicazione e cambiamento di atteggiamento è importante per il nostro sistema educativo, a coloro che guidano grandi organizzazioni, ea coloro che si occupano di opinione politica e il comportamento. Conoscenza più affidabile di quanto sia efficace la comunicazione può essere realizzata nella zona di atteggiamento e opinione è essenziale (…) “.

Nei giorni della Guerra Fredda, la propaganda era spesso così clamorosamente evidente al abituati a libertà occidentale che è più facilmente identificabile come tale. La Fondazione Rockefeller capito che gli americani dovevano essere sottoposti a forme più sofisticate di manipolazione se la spinta graduale per il governo globale doveva essere effettivamente ceduta, nei decenni a venire. Il rapporto 1954, spiega:

A dvertisement

“Anche se i film, televisione e fumetti sono ampiamente creduto di essere efficace nel contribuire alla crescita della delinquenza minorile in questo paese, questi e gli altri mezzi di comunicazione di massa sembrano essere molto meno efficace se applicato alla fine desiderabile di promuovere il bene cittadinanza, o di un’ideologia positiva democratico nella “guerra fredda”. ”

“Buon cittadino”. Una frase che dovrebbe raffreddare la fibra stessa di ogni amante della libertà individuale.

“(…) Si teme che le comunicazioni di massa sovietiche sono di enorme successo nella diffusione della propaganda comunista, sia dietro la cortina di ferro e nei paesi neutrali. Nel tentativo di far luce su questa anomalia e favorire lo sviluppo di principi scientifici che regolano l’efficacia dei mass media, la Fondazione Rockefeller ha continuato a sostegno del Programma di Ricerca Comunicazione all’Università di Yale con un contributo a fondo perduto di 200.000 dollari. ”

Nel 1954, 200.000 dollari erano una quantità eccezionale di denaro. Questa sovvenzione sostanziale è solo un esempio fra i tanti in cui la Fondazione Rockefeller lanciò ingenti somme di denaro in direzione di scienziati sociali per migliorare e perfezionare l’arte di indottrinamento. Uno dei risultati dei loro studi è che la paura, indotta o meno, rende la persona una vittima volontaria per l’élite. Il changingminds.org sito web offre un adeguato riassunto dei risultati del professor Hovland:

“Non c’è bisogno di causare dolore per creare paura. La corteccia frontale ha una funzione primaria nel pensare al futuro. Siamo abbastanza abile a immaginare cosa potrebbe succedere e sperimentare emozioni anticipatori. Questo si è dimostrato utile nella nostra evoluzione, ma può anche causare problemi come la paura anticipata di cose che non possono accadere farci stress e permettere ad altri di convincere noi “.

Lo studio di fase è da tempo che si sviluppa nella fase di implementazione. Nella metà degli anni Settanta la Fondazione era già occupato comprando giornalisti e dei finanziamenti media-imperi in esistenza. Anche allora “cambiamento climatico” è stato attivamente promosso come un tragico risultato di ingerenza umana negli affari della madre terra. Cibo geneticamente modificato era già spinto come cura per rimediare tutti i mali. La cosa è di mettere le emozioni risposte fondate, come osservato da Hovland in pratica.
La Rockefeller Foundation 1974 rivista riporta:

“Diversi editori scientifici sono stati invitati a partecipare alle riunioni della Fondazione sui cambiamenti climatici, la produzione alimentare e conflitti interstatali, resistenza genetica nelle piante ai parassiti, e l’acquacoltura. Storie apparso successivamente sulla prima pagina del New York Times, Associated Press e la svolta storie importanti che sono stati ampiamente utilizzati. In ogni caso, gli autori sono stati introdotti ai nostri responsabili del programma e incoraggiati ad usare le persone come risorse. (Ufficiali sono ora, infatti, essendo chiamato dai giornalisti, in particolare nelle aree di interesse corrente notizie alta come la produzione alimentare, problemi demografici, le questioni ambientali, e delle arti.) “.

In diverse occasioni, e in diverse pubblicazioni distribuite in tutto il suo lungo passato e sordida, la Fondazione Rockefeller si vanta apertamente con media-polene per i propri scopi. In nessuno di questi casi fa il RF menziona alcun problema riscontrato con uno qualsiasi dei magnati dei media hanno contattato. Nel rapporto annuale 1974, Bill Moyers è menzionato come uno dei beneficiari delle informazioni diffuse dalla Fondazione.

“Nel predisporre la sua straordinaria 25-parte della serie sulla situazione alimentare mondiale, il New York Times sono diventate conoscere e hanno stabilito proficui rapporti in corso con un buon numero dei nostri funzionari. Nostro staff hanno fornito informazioni sostanziali e di ulteriori contatti per Bill Moyers in la sua serie televisiva di affrontare i problemi di interdipendenza globale. Queste sono solo alcune delle molte nuove relazioni produttive che abbiamo stabilito con i rappresentanti dei mass media. ”

Al fine di vendere al pubblico il governo mondiale, la ricerca del professor Hovland si è dimostrata inestimabile. Come chiunque può vedere, le tecniche sono fanaticamente applicati fino ad oggi. Si consideri il guerrafondaio-macchina anglo-americano si attiva non appena obiettivi geopolitici si offrono alla vista. In parte II della presente indagine da noi approfondiremo in un’altra dimensione della ricerca professor Hovland, che si trova al centro di tutte le comunicazioni di massa: l’influenza del cinema e della musica sulla mente subconscia, rivolta sia a livello individuale e alle masse.

Cosa ne pensate,non vi sembra chiaro lo scopo?