Rispondi a: Vita dopo la morte

Home Forum SPIRITO Vita dopo la morte Rispondi a: Vita dopo la morte

#305442
Wind
Wind
Partecipante

Ti posso solo parlare della mia Verità, di ciò che sento sia verace, noi Siamo il Creatore al nostro Principio che ha deciso di viversi il suo opposto anche per capire se valeva la pena essere anche ciò, ho il ricordo vivido nei sogni ed in Meditazione del mio Principio e di altre mie esistenze anche sul pianeta Marte, anche se non sono riuscita mai a visualizzare come erano fatti i nostri corpi, quando ho Creato il virtuale e so che vi sarà un Finale dell’effimero tra secoli e secoli, ma non miliardi ancora di anni, tutto si Spegne all’improvviso senza alcun dolore per alcuno: acceso-spento, o-1, luce e buio, vita e morte, erchè il Creatore medesimo attraverso i nostri corpi e su tutti i pianeti dove vive attualmente l’Uomo, inteso come maschio, femmina e sua eventuali varianti in alcuni casi, incarnato ha concluso il suo Viaggio, o quantomeno questo Viaggio, ve ne saranno altri? probabilmente si, perchè essere Eterni e non Agire ovvero Creare per un Creatore è completamente fuori luogo contro la sua Naturalezza, è come chiedere ad un fiore di non sbocciare in primavera.
So di alcune mie morti e susseguenti incarnazioni anche, dove ho vissuto anche su questo pianeta, le mie contraddizioni, ricerca di cosa significasse vivere in questo corpo, le mie credenze che a mano a mano andavano a fondo e bisognava sperimentarne altre, rispetto ai luoghi ed alle varie epoche in cui sono stata.
Solo in questa ultima esistenza ho questa Consapevolezza, prima vivevo e basta come tanti altri nelle varie epoche, non ho vestito mai i panni di gente di comando, di persone geniali o di scopritori storici, un cittadino tra tanti, mi ricordo una esistenza dove ero una dama di pregio nel Nord Italia, vedova giovanissima di un ricco mercante di nobile stirpe, e quindi ho vissuto agiatamente, ma in ben poche esistenze ho ricevuto tale benessere, in molte sono stata/o molto povero, addirittura senza genitori in Francia, adottato da un signore con una carrozza a cui ho pulito le scarpe e gli è piaciuto tenermi con se a fargli il servetto, ero un bambino sveglio ed intelligente e quantomeno mangiavo e bevevo tutti i santi giorni senza più morire di fame per la strada.
I miei nomi non li ricordo nè i luoghi esatti, ma non mi interessa nemmeno, a cosa serve? L’importante è sapere che non ho vissuto una volta sola e perchè, degli altri noi esseri umani penso sia accaduta la medesima cosa, ma solo di me ti posso raccontare, ognuno deve fare la propria esperienza nella materia e sa lui, ovvero il Creatore incarnato in lui in che modalità e perchè.
Questo che ho raccontato a tutti non serve a niente, solo nozioni per chi non ricorda nè il proprio principio nè le sue molteplici esistenze, quando e chi le inizierà a ricordare allora proverà la medesima mia Emozione, altrimenti lasciano il tempo che trovano, e restano fiabe per bambini come la befana e babbo natale.
Ciao e Buon Viaggio!