Rispondi a: OGGETTI MISTERIOSI DENOMINATI UFO

Home Forum EXTRA TERRA OGGETTI MISTERIOSI DENOMINATI UFO Rispondi a: OGGETTI MISTERIOSI DENOMINATI UFO

#30787
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1276097179=Erre Esse]
A proposito di certe figure umanoidi che sembrano alieni dipinte sulla roccia da popolazioni preistoriche,
c'è da dire che, assumendo certe sostanze vegetali psicotrope e “allucinogene”, uno degli effetti può essere proprio quello di percepire figure umanoidi che sembrano figure aliene.

[/quote1276097179]
certo, però bisogna approfondire l'argomento per farsi una opinione, dipingevano quello che vedevano veramente o no? Siamo sicuri che in uno stato alterato di coscienza non si possa vedere qualcosa che esiste davvero?
[youtube=480,385]NH355O2ImAg

Besant e Leadbeater, già nell'anno citato, avevano pubblicato sulla rivista Lucifer e descritto la costituzione degli atomi di idrogeno, ossigeno ed azoto, unendovi i relativi diagrammi, secondo come si presentava loro mediante la vista chiaroveggente. La descrizione urtò a quel tempo contro la scienza ufficiale che non si preoccupo di verificarne la veridicità con accertamenti sperimentali. In particolare i due scopritori affermavano che l'atomo di idrogeno è composto da 18 particelle sub-atomiche.

Soltanto nel 1963 Gell, Mann e Zweig, formularono la teoria dei quarks; ulteriori sviluppi di questa teoria portarono ad ipotizzare che ogni protone consiste in un tripleto di tre particelle Quarks e, nel doppio nucleo, di 18 subquarks.
http://www.procaduceo.org/it_ricerche/esoterismo/esoter00.htm

Come detto, i modelli di energia a spirale si svelarono agli occhi dell’illuminato prof. Kozyrev mentre si trovava nel campo di concentramento. La sua “conoscenza diretta” lo informò che questa energia a spirale era, in effetti, la vera natura e manifestazione del “tempo”.
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_01.htm

Per renderci conto di quanto importante possa essere la “chiaroveggenza” nelle ricerche scientifiche basti ricordare il sommo chimico tedesco Kekulé von Stradonovitz (1829 – 1896) il quale, in base alle sue “visioni” riuscì a formulare la teoria sulla struttura molecolare e sui radicali che permise l'immenso sviluppo della chimica organica moderna.

Egli scrisse nella sua autobiografia: “Vedevo gli atomi oscillare davanti ai miei occhi. L'occhio del mio spirito, reso più acuto da ripetute visioni di questo genere, riuscì a distinguere immagini ingrandite di forme diverse e molteplici; lunghe file riunite insieme con maggiore o minore densità; tutto si muoveva come si muovono i serpenti, strisciando ed avvinghiandosi gli uni agli altri. D'un tratto, uno di questi serpenti afferrò la propria coda e l'immagine volteggiò beffarda davanti ai miei occhi… mi risvegliai come colpito da una folgore.” e la struttura molecolare cercata fu scoperta.

Ciò dimostra che la visione chiaroveggente degli elementi chimici forse potrebbe fornire la chiave di nuove e più importanti scoperte.
http://www.procaduceo.org/it_ricerche/esoterismo/esoter00.htm#microsc