Rispondi a: Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse

Home Forum L’AGORÀ Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse Rispondi a: Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse

#308382

Omega
Partecipante

Anche se il Vecchio e il Nuovo Testamento sono legati è importante abbandonare le leggi del Vecchio Testamento e seguire gli insegnamenti di Gesù Cristo.

Nel NT gli insegnamenti risultano scritti in modo un po’ più comprensibile ma entrambi, VT e NT provengono dalla stessa fonte, ognuno adatto al suo tempo e spazio.

Semmai tenere il Vecchio Testamento come riferimento ma non praticare più quelle leggi.

Perché il contatto autentico avviene “in spirito e verità” (= coscienza e sincerità), non fisicamente o tramite determinate “tecniche” imparate a memoria e recitate come fanno i pappagalli. Ma se leggi attentamente il vecchio testamento tra le righe trovi gli stessi insegnamenti, anche se un po’ “nascosti”.

Gesù non ha negato Mosé ma nemmeno seguiva le sue leggi,

Mosè comandò di non avere altri Dèi al di fuori di YHWH-Elohim, infatti Gesù non aveva altri Dèi al di fuori di YHWH-Elohim, semplicemente lo chiamava “Padre”, ed una volta anche “Eloi”.

Mosè comandò di amare, e Gesù ha amato.

Mosè comandò di non rubare, di non desiderare ciò che non è tuo, di non odiare, di non uccidere etc e Gesù effettivamente non ha rubato, non ha desiderato ciò che non è suo, non ha odiato, non ha ucciso ma guarito i nemici etc.

le leggi di Gesù sono del tutto differenti rispetto a quelle del Vecchio Testamento.

Alcune leggi del VT erano divenute obsolete, chiaro, ad esempio quella sui cosiddetti “sacrifici materiali” – senza il tempio poi… Come oggi altre leggi del NT sono ugualmente divenute obsolete, ad esempio quella che prescrive il velo sulla testa o quella che impone il silenzio alle donne in “chiesa” (durante le riunioni sacre) o quella che condanna gli omosessuali, sono tutte sciocchezze inaudite scritte allora per rispettare le abitudini locali, per accontentare gli amici e varie “tradizioni” che siano criminali e non che siano pericolose o innocue.

Fratello Giuseppe è molto preparato ma non sa la verità al cento per cento,

Vero, perciò quando dice cose scritturali le posso accettare come ipotesi di lavoro, quando dice opinioni non le accetto per principio.

solo Gesù Cristo ha portato la verità al cento per cento.

E tu come lo sai?

Buddha non credo che sia un inviato dagli Elohim tanto che Bhudda era ateo, Gesù ci ha sempre parlato del Padre unico Dio,

Gesù non ha parlato contro gli Atei al massimo contro coloro che negano il creatore eppure l’avevano visto, sia direttamente al tempo di Mosè che indirettamente in Gesù stesso, nelle sue parole e nelle sue opere – ed io posso riconoscere il creatore e nello stesso tempo essere Ateo. In effetti l’ateismo non nega uno o più creatori bensì il soprannaturale. Gesù non ha detto che il creatore sarebbe tale, cioè “sopra natura” ma solamente potente oppure onnipotente, ed oggi sappiamo che una scienza molto evoluta ti permette la stessa potenza descritta nella mitologia. I cosiddetti miracoli derivano dal divario che esiste tra il livello di diverse civiltà nell’universo ma anche sullo stesso pianeta. Quello che per l’una è miracolo, per le altre è natura, uomo e scienza. Non bisogna confondere i fenomeni spiegabili razionalmente con i veri miracoli, non presenti nella Bibbia. Buddha non ha detto che non c’è il creatore ma che è una questione irrilevante.

ma il Bhudda no.

Perché non ci salva l’adorazione di un dio ma l’estinzione della brama e dell’attaccamento alle cose piacevoli e spiacevoli, alla “vita” stessa o quello che crediamo vita o quello che resta della vita o la sua ombra. Quando un vero buddhista ama e rispetta tutti gli esseri senzienti automaticamente ama e rispetta un eventuale creatore il quale è incluso nel tutto, a differenza di molti sedicenti “cristiani” incapaci di amare veramente creature e creatore in quanto bramano e si attaccano ad ogni cosa, dunque inevitabilmente hanno secondi fini non confessati.

Il compito dell’anticristo non è di castigare i cattivi ma è di castigare coloro che si oppongono al marchio della bestia.

Lascia stare i desideri dell’anticristo, analizziamo invece il possibile risultato delle sue azioni, a lungo termine. Il suo compito non è di castigare i cattivi, apparentemente, però alla fine i cattivi saranno puniti, non i giusti, inoltre il diavolo non è autonomo, è sempre Dio ad inviarlo in missione, l’ha detto pure G. non me lo invento io.

Gesù quando si trovava nel pericolo fuggiva e così lo ha detto anche a noi di fuggire in tempo prima che sia troppo tardi, perché chi si trova nel pieno della guerra e nel mezzo delle leggi rigide ne subisce.

“Poi chiamata a sé la folla con i suoi discepoli, disse loro: “Chiunque vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua perché chiunque vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi perderà la sua vita per amor mio e dell’evangelo, la salverà. Che gioverà infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde l’anima sua? O che cosa potrebbe dare l’uomo in cambio dell’anima sua? Perché chi si vergognerà di me e delle mie parole, in mezzo a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo, con i santi angeli”.” (Marco 8:34-38).

Gesù ha comunicato a fratello G. di non rivelare MAI a nessuno dove deve andare per nascondersi dalle guerre, per cui tu puoi anche ascoltare la sua stazione radio 24 ore su 24 e non sentirai quella informazione per te essenziale. Per questo ho detto che bisogna essere dentro e non fuori. E’ nello “spirito” (coscienza) che si comunica con il “cielo”

Senti questo video, che parla di Giorgio Bongiovanni e degli extra terrestri:

Ma, io non sono un bongiovanniano so leggere le scritture da me stesso.

Se Tizio (uno sprovveduto) cade in disgrazia e Sempronio (un criminale) salva e mantiene in vita Tizio, allora Tizio, in segno di riconoscenza e soprattutto per non morire un’altra volta lo servirà a vita. E’ la prassi. Ma questo non significa che Sempronio gli ha raccontato tutta la verità o che sia santo o un dio. Tizio non può tradirlo, non gli conviene e nemmeno osa contraddirlo e fargli domande scomode per scoprire, quello che Sempronio gli ha nascosto fin dall’inizio per motivi X e Y. Così, quando Gesù “salva” un criminale o “peccatore” quest’ultimo crede che Gesù gli ha detto la verità assoluta, però ciò è un’assurdità, la verità non viene regalata a chiunque (non date le perle ai porci) ma occorre meritarla, non perché lo dico io ma perché logico e parte delle leggi spirituali. Gesù gli ha raccontato quel tanto quanto basta per tenerlo “in vita”, lontano dal crimine, lontano dal “peccato”. Ordunque, il fratello G. non sa e non può sapere nulla sugli extraterrestri. Non sa, perché Gesù non gliene ha parlato, non può sapere perché se anche gliene avesse parlato, non avrebbe potuto dire la verità su quell’argomento. Perché? Semplice, perché gli manca la preparazione a insegnamenti talmente complessi ed il cui assorbimento casuale ossia non cosciente avrebbe vanificato e annullato la sua “salvezza”.

Quello che ci dicono Piergiorgio Caria e G.B., ugualmente non è la verità assoluta ma un’altro frammento, in parte esposto in simboli. G.B. parla di Dio, ma nella Bibbia non c’è Dio – la Bibbia originale è un libro ateo per cui non potrei appoggiare un G.B. esattamente come non potrei appoggiare un fratello G…

Tuttavia, le informazioni di un fratello G. e di un G.B. sono utili a coloro che ne hanno bisogno e che sono pronti per il gradino di conoscenza specifico da essi rappresentato. https://youtu.be/IKQc3DQgzfo

L’anticristo sta per prendere il comando mondiale e presto ce ne accorgeremo con chi abbiamo a che fare.

Sarà un diavolo incarnato, dicono gli “esperti”, ma conoscendo già e molto bene i diavoli non mi spaventerò promesso.