Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#309607
camillo
camillo
Partecipante

Per completezza riporto la facezia lanciata come provocazione in uno degli ultimi commenti su 22 passi

Previsioni, scommesse e stramberie varie.
Penso sia chiaro a tutti che i principi di funzionamento del Magravs sono fuori schema se visti con l’occhio della fisica.
Dato che vi siete dati alle scommesse ed altre facezie, mi aggiungo e propongo le mie fantasiose affermazioni.
L’energia che verrebbe prodotta è pure di una natura misteriosa, parlando con Keshe e rimanendo per un tempo enorme sul suo primo libro per la traduzione, mi sono fatto un’idea che se c’è qualcosa quel qualcosa è assimilabile ad un tipo di energia descritta in antichi testi detta “energia MANASICA” (MANAS (San.) – Il Principio della Mente, che diventa duale appena si manifesta nella costituzione umana. )
Energia primaria iniziale, scaturita del “nulla” differenziatosi in più opposti.
Energia altamente plasmatica che può realizzare le cose senza ricorrere all’accordo meccanicistico che crea questa realtà.
Energia legata alla mente, alla coscienza, alla volontà creativa.

Di fantasia in fantasia aggiungo le mie previsioni in merito.
1° quello che scaturirebbe dal generatore magravs non è qualcosa di specifico ma è relativo all’ambiente, allo sperimentatore, all’orientamento rispetto agli assi universali e altri fattori di natura imprecisata.
2° pertanto la ripetitività non sarà costante ma fluttuerà tra il nessun risultato e fenomeni bizzarri imprevedibili
3° Il pensare che esca elettricità che si comporti secondo le nostre leggi accordate è un errore
4° Poiché la strana energia prodotta non rispetta le nostre leggi, gli strumenti potrebbero essere falsati, i wattmetri avere comportamenti da farli sembrare rotti. Per questo ritengo utile nelle prime fasi limitare la misura energetica col calorimetro ad acqua (come ho già detto)
5° Le prove effettuate dal gruppo Keshe daranno risultati differenti da quelle di sperimentatori esterni.
6° Le persone dotate di facoltà extrasensoriali rimarranno sconcertate o aiutate dipende.
7° Infine sempre proseguendo nel volo pindarico, l’apparato tenderà ad acquistare una vita propria e avrà comportamenti a volte bizzarri e dispettosi.
8° E’ probabile che per trovare un controllo su ciò che produce dovremo andare a scuola di meditazione vuota, dovremo imparare a ridurre quasi a zero il nostro dialogo interiore, ed entrare in simbiosi con lo stato di nulla iniziale da cui ogni cosa è nata.

Al 99% non sarà così, ma mi sono tolto lo sfizio di giocare anche questa stramberia di idea, sono aperte le scommesse.
22 novembre 2015 20:36