Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#309681
camillo
camillo
Partecipante

Orso vedi solo denaro e usa come fattori, è come se in un sistema di equazioni con molti parametri tentassimo di considerare solo due delle 10 variabili.
Qui il discorso economico che c’è come in ogni cosa è prevaricato da interessi di egemonia religiosa.
L’islam è pieno zeppo di contraddizioni Abbiamo grossomodo due linee una moderna e tollerante che deriva dal sufismo rappresentata dal Marocco, Egitto (con l’attuale dirigente), Giordania, Tunisia in cui i capi politici stanno cercando di convincere i vari imam a non predicare l’odio o la supremazia della loro fede.
Poi abbiamo i dittatoriali estremi ricchi Arabia, Katar, Emirati, ecc. con democrazia zero che hanno sostenuto neanche tanto di nascosto tutti le linee integraliste che garantiscono loro il potere di riflesso.
Mescolato a tutto ciò c’è la storia tra due fazioni religiose (simili a protestanti e cristiani) e l’Iran in crescita.
Erdogan è furbo (o stupido dipende da come va a finire) si è fatto scudo del fatto di essere un paese della nato e di avere una tradizione laica che certo non ha fatto lui.
Erdogan vuole proporsi come ago della bilancia, uomo forte che riunisce il tutto.
Ha contribuito a far credere ad Obama che ci potesse formare una democrazia, (primavera araba) Con l’aiuto dell’America e spalleggiato sotto banco dai paesi ricchi ha creato il caos per eliminare il presidente della Siria, formando la fazione degli oppositori. Oppositori che da 4 anni combattono Assad però in moltissime occasioni hanno ceduto terreno all’ISIS in cui più che un nemico vedono un alleato con scopi comuni.

I russi hanno capito benissimo il giochino (come d’altronde è chiaro a chi segue quelle faccende e bombardano anche postazioni degli “oppositori” mandando a monte l’enorme investimento fatto dalla Turchia in veste anti Assad.
Erdogan è un pezzo che mugugna contro Putin: “mi stai rovinando le uova nel paniere … attento che la paghi”
Francamente non pensavo che arrivasse a tanto (abbattimento del velivolo) che era già in suolo siriano, credo nemmeno lo pensasse Putin.
Non penso che qualcuna creda ad Erdogan quando dice: “devo difendere il mio territorio”.
Ci sono balle e balle ma questa poi…
Però tutti stanno al gioco per non aggravare la situazione, non vorremmo mica scatenare una guerra?
La Turchia è un paese della Nato, (ammesso che si possa parlare ancora di una tale istituzione) ma anche la Francia lo è, aggredendo l’alleato attuale della Francia la Turchia ha implicitamente aggredito la Francia, un bel caos.