Rispondi a: Dualità o non Dualità

Home Forum L’AGORA Dualità o non Dualità Rispondi a: Dualità o non Dualità

#309716
Wind
Wind
Partecipante

Condivido Orsoinpiedi ed aggiungo di mio personale:
La Dualità serve all’Uomo per esperirla e completare la sua Conoscenza anche all’interno della Virtualità e quindi con il suo cervello anch’esso duale (emisfero destro e sinistro) che è un lettore di materia, di dualità, di virtualità, la esperiesce attraverso i 5 sensi del suo corpo, ma quando di 2 ne fai uno, allora ritorni alla Realtà immutabile pur restando in carne ed ossa nel virtuale e quindi modificabile dai nostri medesimi neuroni che al loro interno emanano ovvero Creano nuova materia fotonica ed antifotonica (duale) per mezzo dei microtuboli neuronali umani, ciò avviene in ogni istante presente e soprattutto a livello incoscio, per cui non possiamo più dire agli altri che ci portano sfiga, perchè siamo noi stessi i Creatori del nostro istante presente. Quindi il maschile ed il femminile, lo Yin e lo Yang in un cervello unificato dalla propria Coscienza per via di un percorso di meditazione e di crescita LEGGE in tutt’altro modo sia ciò che ci capita ogni giorno, sia il proprio stato d’Animo, ovvero lo ripulisce dalle impurità: tradizioni, modi di pensare che non hanno nè cielo nè terra, falsa morale e quantoaltro e si diventa degli Originali, ovviamente alquanto disadattati per la cultura dominante tramite i media.
In conclusione in questo universo tutto ha un senso ed una ragione, e come affermava il nostro Giordano Bruno, tutto è accessibile ORA! Non è affatto vero che devi aspettare la morte del corpo per comprendere, anzi è l’esatto contrario, se muori fasullo rischio il riciclo per fannulloneria, avendo avuto ampie possibilità di metterti al pari degli altri Esseri umani che vivono in piena Coscienza su miriadi di altri pianeti, e non parlo di ET, ma proprio di Umani come noi, che sanno e vivono pienamente e con gioia le loro lunghissime esistenze secolari senza mai ammalarsi, senza mai fare guerre, senza discriminazioni sessuali: in Pace!