Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#310048

Omega
Partecipante

@camillo said:
Tu dialoga

Non ho altre armi, e non voglio averle, solo coscienza…

intanto loro per il 50% o più dicono che è giusto morire per Allah

Lo dicono per paura, non per convinzione, è un pensiero random…

e tirano in ballo cavolate varie per giustificare che tutto sommato Charlie era colpevole noi siamo colpevoli…

Bisogna vedere chi lo dice, se l’islam autentico che conta o quello di facciata, che non conta…

Questi trogloditi di terroristi mica hanno ucciso cristiani

Per loro, cristiano è chiunque nasce in occidente e musulmano chiunque nasce nei loro paesi infatti i terroristi sono malati…

ma laici LIBERI PENSATORI che nulla centravano.

Poiché essendo falsi credenti ancora non hanno superato la crisi esistenziale perciò si sentono obbligati a difendere l’indifendibile. Quando ti conosci/ riconosci, sai che il tuo prossimo fa parte di te. Se non ti conosci/ riconosci allora lo tratti da nemico o da un essere inferiore e inutile. E’ inevitabile. Lo scopo delle religioni originarie era appunto rendere gli umani coscienti dell’unità e quando sei cosciente dell’unità permetti al prossimo di scegliere e di sbagliare ovvero gli stessi diritti che hai concesso a te stesso.

Faccio un esempio: Tizio sa che 2 + 2 fa 4, ora Caio crede che 2 + 2 fa 6, ma Tizio non reagisce, non ne ha bisogno quindi lo ignora in quanto la matematica elementare non ha bisogno di un avvocato difensore. Tizio non si sente affatto minacciato quindi giustamente non si preoccupa, in quanto permette a Caio di avere opinione diversa dalla sua.

Vediamo il caso contrario: Tizio crede che 2 + 2 fa 6, ora Caio gli dice che 2 + 2 fa 4 al che Tizio prende l’artiglieria… Ebbene perché lo fa? Perché tenta di eliminare Caio? Perché la sua credenza è minacciata. Chi sa non crede. Chi crede non sa. Quando sai sei tranquillo quando non sai sei impaurito, è la natura umana.

Un percorso spirituale dovrebbe aiutare l’uomo ad imparare a rispettare la diversità in quanto la diversità fa parte integrante della creazione. Purtroppo fallisce quando l’adepto viene convinto da falsi maestri che la religione serve per dominare dunque per isolare e distruggere la diversità. Chiunque cade in questa trappola non ha nulla a che fare con la Religione. La cura per guarire questi nostri fratelli sfortunati? Ce ne una sola, amore. Perché l’amore incondizionato apre la porta del dialogo altrimenti non ti ascolteranno mai. Allora, dialogando puoi spiegargli che Allah/ Eloha ha voluto la diversità – ciò è anche scritto nel Corano – e che cercando di nasconderla o di farla scomparire si offende Allah/ Eloha. Tutto qui. Però occorre dirlo anche alle altre fedi (par condicio), sapessi quanti cristiani progettano segretamente di eliminare chiunque non si è adeguato alla LORO variante del cristianesimo; sapessi quanti cristiani vorrebbero far sparire dalla faccia della Terra: laici liberi pensatori, atei, ebrei, musulmani, omosessuali, buddhisti…

Molti dei terroristi sono nati in paesi che non hanno guerra e prendono a pretesto la religione ISLAMICA, vedi il Corano si presta benissimo, ci sono 34 posti dove si INCITA ad uccidere gli infedeli, NON credo che nella linea Rael da te citata esista un solo punto dove si inciti in quel modo.

Rael anni fa ha proposto di cancellare versetti violenti da tutti i libri sacri del mondo in quanto erroneamente interpretabili dai fanatici e spesso decontestualizzati o non compresi, ma nessuno gli ha dato ascolto. La violenza oggi è intollerabile soprattutto nei paesi democratici ma siccome nella Bibbia c’è, nei Veda c’è, nel Corano c’è allora bisogna spiegare il contesto e significato. Una volta compreso contesto e significato si smetterà di giustificarsi con la presunta e ipotetica “volontà del creatore”. Una volta capito che servizi eserciti e governi hanno già la tecnologia per inviarti “messaggi divini” fasulli e per manipolare la mente dei più deboli, tutti staranno più attenti quando avranno vaga impressione di aver visto o intravisto una “luce”, più o meno spirituale. Discernimento in questi casi è fondamentale.
«Diletti, non crediate ad ogni spirito, ma provate gli spiriti per sapere se son da Dio.» 1°Giovanni 4,1…

Anch’io pensavo ad una tollerante comprensione come fanno oggi molti, poi ho capito che l’ISLAM è differente! In questo momento ha preso una piega pericolosa ed in contrasto con la nostra costituzione.
Dal frutto si riconosce l’albero.

C’è chi agisce apertamente, perché sincero, e c’è chi agisce “mascherato” insabbiando regolarmente i propri intenti perché si vergogna delle sue azioni. Ecco tutta la “differenza”… Non c’è meglio e peggio, equilibrio ci vuole nel giudicare perché di violenza si tratta in entrambi i casi. La nostra costituzione prevede invasioni? Non si tratta di una “tollerante comprensione” ma del fatto che le “soluzioni” occidentali peggiorano la situazione.

Prima o poi ci arriverai anche tu se continui con lo spirito analitico.
Che ne dici del loro concetto di uguaglianza?
Tra i sessi?
Tra le religioni?

Il cristianesimo adottato in occidente non è meglio in quanto al concetto di uguaglianza. Le differenze? Gli occidentali ipocriti fanno e pensano le stesse cose nella tenebra quando credono di non essere visti e tra le mura domestiche. I mediorientali nelle piazze. E’ meglio o peggio?

Che ne dici della legge del taglione che ho riportato sopra la sura II?

E tu che ne dici della cosiddetta “violenza sulla donna” in occidente? Tutto legale, eh! Intendo, per gli assassini è sempre “legale” punire, torturare e uccidere le compagne, mogli, amanti disubbidienti. Cambia qualcosa se nella cultura occidentale/ cristiana ci si nasconde prima di delinquere?

Discorsi generalizzati sul buonismo vanno bene se sono fatti dalle due parti, ma qui tu lo fai, ma i terroristi e i loro affiancatori no!
Se non ti accorgi che usano il terrore per imporre il loro volere, significa che guardi da un’altra parte.

Il buonismo non va bene, da nessuna parte, ci mancherebbe che gli Arabi diventino buonisti perbene… No, servono indicazioni efficaci e veritiere precise, troppe menzogne vedo in circolazione.