Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#310091

Omega
Partecipante

@camillo said:
viene considerata religione anche il laicismo.
Nei prossimi giorni uscirà il giornale satirico con una foto provocante in copertina.
Ora i cristiani, i buddisti, ecc. si dichiareranno offesi, ci sta.

Ci sta? Io non ci sto (cit.). Ecco proprio qui sta l’errore poiché il problema sta a monte, ovvero come mai l’occidente sente la necessità di offendersi, solo perché qualcuno crede o afferma di credere in un creatore differente, oppure in nessun creatore? Coloro che credono in un creatore differente o in nessun creatore hanno o dovrebbero avere il diritto di criticare Dio, Elohim, santi, profeti, capi di stato etc la rivoluzione delle coscienze deve partire da noi visto che ci riteniamo liberi evoluti e democratici. Nel contesto occidentale ostacolare o censurare satira e l’opinione di ognuno (il fatto di dichiararsi offesi perché uno esprime il proprio parere e se stesso), o più semplicemente se ci disturba che gli altri trovano ridicole o assurde le nostre divinità, cultura o abitudini, equivale alla pena di morte per il reato d’opinione in un contesto teocratico.. questo vuol dire che allora il nostro è un regime, in effetti lo è seppur camuffato.

Ma gli islamici… passano dalle parole ai fatti.

Matteo 12,33-35:

“O fate l’albero buono e buono pure il suo frutto, o fate l’albero cattivo e cattivo pure il suo frutto; perché dal frutto si conosce l’albero. Razza di vipere, come potete dir cose buone, essendo malvagi? Poiché dall’abbondanza del cuore la bocca parla. L’uomo buono dal suo buon tesoro trae cose buone; e l’uomo malvagio dal suo malvagio tesoro trae cose malvagie.”

Anche per questo motivo il Maitreya Rael insegna non come opporsi ai sentimenti negativi autoprodotti consciamente e inconsciamente – l’atteggiamento ipocrita dannoso e inutile, in quanto troppo tardi, dal momento che il veleno bio-chimico circola già nel nostro organismo. Bensi spiega come anticipare e prevedere, quindi non generare affatto queste tossine.

Abbiamo visto con Charlie che schifezza hanno combinato questi trogloditi, il peggio è che molti islamici giustificano…

Esattamente come molti cristiani e molti agnostici giustificano la guerra dei droni contro bambini e innocenti mediorientali.

Questo atteggiamento è religioso al 100%. Io come laico (ma gnostico) comprendo che uno si irriti ma MAI giustificherò in nessun modo il fatto che uccida per fare una vendetta divina.

Il passo dall’odio all’omicidio è breve.

1 Giovanni 3,13-15:

“Non vi meravigliate, fratelli, se il mondo vi odia. Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte. Chiunque odia il proprio fratello è omicida, e voi sapete che nessun omicida possiede in se stesso la vita eterna.”

Che poi si odia/ uccide in nome del creatore o in nome di dio denaro è la stessa cosa e il risultato medesimo. La giustificazione religiosa o di altro tipo è sempre successiva al pensiero-azione dettati dalla violenza interiore del soggetto ed evidentemente serve soltanto per evitare la condanna o per illudersi di essere dalla parte della giustizia.