Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#310132

Omega
Partecipante

@camillo said:
e No caro mio!
Qui nessuno giustifica nulla, il fatto è che

Parliamo chiaro – allora se io fossi un musulmano, in questo post spiego come esattamente mi comporterei, e quali sarebbero stati i miei ragionamenti.

se si considera una civiltà Islamica (Nazione)

Non avrei considerato l’Islam una civiltà in generale e nemmeno lo Stato o la Nazione X o Y, ma uno stato d’Essere interiore. La parola islam significa sottomissione (al creatore) quindi accettare, abbandonarsi alla sua volontà con gioia e gratitudine. Come scoprire qual’è la volontà di Allah? E’ necessario seguire un percorso spirituale non c’è altro modo, al suo termine la si conosce e solo quando la si mette in pratica si diventa veri Musulmani. La volontà di Allah è incontrare altre culture per imparare a vivere insieme in pace su questa Terra NONOSTANTE le differenze tra uomini (DNA), e tra le Religioni originarie, differenze volute appunto dal creatore come è scritto anche nel Corano (e ovunque).

e si vede che NON funziona

Nessun paese teocratico senza veri credenti e senza Dio, potrebbe funzionare – non mi faccio illusioni, perciò solo quando il creatore scenderà sulla Terra e in mezzo a veri credenti potremo valutare la qualità, di una determinata società o civiltà. Non c’è pace senza amore, e non c’è amore senza “giustizia” ovvero equilibrio tra il dentro e il fuori, tra gli uomini/ culture e tra cielo e terra. Soltanto quell’uomo che ama e rispetta il Tutto è in grado di discernere tra ciò che realmente apporta la felicità a tutti gli Esseri e ciò che li danneggia direttamente o indirettamente.

le persone che più puoi aiutare ti sono vicine,

Si aiuta il primo che chiede aiuto e lo merita, non possiamo mica scegliere come in un mercato degli schiavi chi e quando aiutare dato che non tutti ne hanno bisogno e non siamo noi (popolo) a chiamarli. Semmai i governi, che non ho mai votato né approvato.

io vedo con grande riserbo i missionari che vanno lontano.

Esattamente, dunque la NATO non doveva inventarsi le cosiddette missioni “umanitarie” e di “pace”.

Ci mancherebbe altro che qualsiasi incavolato dell’Africa o dell’Asia o di qualsiasi altro posto viene qui a fare il Kamikaze incavolato

C’è un detto: se la tua religione non riesce a cambiarti tu cambia religione. Chiunque vuole morire evidentemente non è felice, ordunque la sua religione o filosofia è falsa oppure inadatta a lui o non la comprende/ pratica – in ultima analisi non è capace di vivificare quella persona morta dentro. Un terrorista è un criminale perché colpisce a caso e non il colpevole di un’ingiustizia o creduta tale inoltre la violenza genera violenza non la soluzione ad un problema preciso individuato.