Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#310607

orsoinpiedi
Partecipante

Caro Camillo,concordo con te che siamo sempre nel campo delle ipotesi,non potrebbe essere altrimenti.
Ti cito:”Ipotesi 1° I servizi segreti governativi lo hanno torturato perchè volevano conoscere i contatti che Giulio aveva con l’opposizione (opposizione = Fratelli mussulmani con facciata da sindacalisti con alle spalle ISIS)”

Vorrei chiarire che Giulio non aveva contatti con l’opposizione,ma con i sindacati.E questo è cosa molto diversa.
E come tu ben sai,i sindacati sono molto mal visti dal potere dittatoriale,qualsiasi esso sia.
Gia questo giustificherebbe il suo fermo,e magari comportandosi da eroe,e non volendo fare nomi,qualche figlio di p…,erroneamente pensando che sarebbe stato facile estorcere informazioni da uno straniero,ha perso la testa e è andato oltre nelle torture.
Plausibile.
Seconda tua citazione
“Ipotesi 2° Lo hanno rapito i suoi stessi “amici” dell’opposizione suddetta. Se Giulio ha dato l’impressione di “insistere” troppo per entrare nelle conoscenze a monte del “sindacato”, potrebbe essere nato il sospetto: “Questo signore che si interessa troppo a noi non è che sotto sotto è una spia dell’America? Si sta infiltrando?” Hanno ammazzato, torturato crocifisso un sacco dei loro chissà quanti innocenti sono morti confessando sotto tortura come accadeva nelle Inquisizioni della Chiesa.”

Portami un solo esempio di tentativo di depistaggio fatto dai terroristi dell’Isis e di Al Quaeda nella loro storia.
Il loro modo di operare è esattamente il contrario.Questi lo sbandierano ai quattro venti quando eliminano un avversario.E’ un atto di potenza,è la base stessa della loro propaganda.