Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#310608

orsoinpiedi
Partecipante

Cosa pensava Giulio Regeni dell’Egitto di Al-Sisi
di Rossana Miranda

Al-Sisi ha ottenuto il controllo del Parlamento con il più alto numero di poliziotti e militari della storia del Paese mentre l’Egitto è in coda a tutte le classifiche mondiali per rispetto della libertà di stampa”. È questo l’incipit dell’articolo inviato da Giulio Regeni alla redazione del Manifesto a metà gennaio. Il giovane ricercatore aveva chiesto, anche quella volta, di pubblicarlo con uno pseudonimo. Ma oggi, all’indomani del ritrovamento del suo cadavere in un fosso vicino al Cairo, il giornale ha deciso di pubblicarlo con il vero nome. “Sfidare lo stato di emergenza e gli appelli alla stabilità e alla pace sociale giustificati dalla ‘guerra al terrorismo’ – è la conclusione dell’articolo – significa oggi, pur se indirettamente, mettere in discussione alla base la retorica su cui il regime giustifica la sua stessa esistenza e la repressione della società civile“.

il resto qui http://formiche.net/2016/02/05/giulio-regeni-egitto-al-sisi/

Non mi senbra che Giulio fosse tenero con il regime
Il comportamento delle dittature è sempre lo stesso,sotto ogni latitudine.
E il fatto che si incominci a cercare di dare la colpa all’Isis,è un brutto segnale.I rapporti economici a favore dell’Ialia sono tali che un simile depistaggio ci farebbe molto comodo da dare in pasto all’opinione pubblica italiana.
Ilaria Alpi docet.


  • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 8 mesi fa da  orsoinpiedi.