Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#311198

orsoinpiedi
Partecipante

Da il mattino.it
Bruxelles, Salah poteva essere arrestato 3 mesi fa, la polizia aveva il suo indirizzo

Non passa giorno senza che la polizia belga non venga messa sotto accusa per ciò che poteva essere fatto per prevenire gli attentati di martedì e non è stato fatto. L’ultima bordata all’antiterrorismo di Bruxelles arriva da Malines, cittadina delle Fiandre a nord della capitale. Un agente di polizia in servizio a Malines più di tre mesi fa avrebbe inviato ai suoi superiori un rapporto nel quale veniva indicato un possibile nascondiglio di Salah Abdeslam, autore degli attentati di Parigi del 13 novembre e unico sopravvissuto del commando che nella capitale francese aveva fatto più di 130 morti. L’indirizzo indicato dal poliziotto di Malines – «ottenuto attraverso una fonte confidenziale» – è quello di Rue de Quatre Vents 79, nel quartiere di Molenbeek, a Bruxelles: lo stesso indirizzo dove sette giorni fa, al culmine di quattro mesi di affannata caccia all’uomo, Salah è stato arrestato.

segue con altre informazioni interessanti su http://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/salah_bruxelles_attentati_arresto_indirizzo-1631700.html

Ragazzi,io posso capire gli errori di valutazione,o il dimenticarsi di fare delle verifiche per troppo lavoro,ma qui gli errori sono troppi e tanto grossi da far pensare che siano voluti.
La strategia della tensione fomentata ed occultata dai servizi è sempre più evidente.
Il pericolo non viene dai fondamentalisti islamici,Ma dai poteri occulti impersonati dall’oligarchia occidentale (e non solo).In poche parole “IL NUOVO ORDINE MONDIALE”
Alcune citazioi:

Il mondo si divide in tre categorie di persone: un piccolissimo numero che fanno produrre gli avvenimenti; un gruppo un po’ più importante che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta che maggioranza che giammai sarà cià che in realtà è accaduto. (Nicholas Murray Butler)

”Ci stiamo avvicinando ad un cambiamento globale, l’unica cosa di cui abbiamo bisogno è la crisi delle superpotenze che, poi si dilagherà in tutto il mondo ed allora sarà accettato un unico governo mondiale.” – David Rockfeller –

”Alcuni credono che la mia famiglia sia collegata ad argomenti quali l’occulto e la cospirazione, azioni finalizzate alla caduta del governo statunitense. Io e la mia famiglia siamo accusati di volere sviluppare una struttura socio-economica e politica il cui fine è controllare il mondo. Se questa è l’accusa, mi dichiaro reo confesso.” (Le mie memorie, pg. 405) – David Rockfeller –

”Sono molto riconoscente ai direttori del Washington Post, del New York Times e del Time Magazine per avere presenziato alle nostre riunioni e avere rispettato la promessa di assoluta discrezione e riservatezza a riguardo per quasi quarant’anni sarebbe stato impossibile lo sviluppo della nostra società sotto la luce dei riflettori in tutti questi anni. Sono certo che il mondo odierno sia pronto alla progrezione unanime verso la creazione di un solo grande governo mondiale. Si tratterà di un’entità sovranazionale controllata da un’élite intellettuale e imprenditoriale accuratamente scelta, la gestazione sarà in mano alle banche. Credo che questo mio progetto sia di gran lunga preferibile all’auto-determinazione nazionale esercitata in tutti questi secoli. (Convegno del Gruppo Bilderberg del giugno 1991 a Baden, Germania)- David Rockfeller –

”Gli interessi dietro l’Amministrazione Bush, come il CFR, la Commissione Trilaterale -fondata da Brzezinski per conto di David Rockefeller- e il gruppo Bilderberg, si sono preparati e ora si stanno muovendosi verso l’implementazione di una dittatura globale entro i prossimi 5 anni. Non stanno combattendo contro il terrorismo. Stanno combattendo contro i cittadini.”

– Dr. Johannes B. Koeppl, Ph.D., ufficiale del ministro della difesa tedesco e consigliere per l’ex segratario generale NATO Manfred Werne

E ancora c’è chi nega l’evidenza!