Rispondi a: Certezza di Dio ed eternità dell’anima

Home Forum TEOLOGIA Certezza di Dio ed eternità dell’anima Rispondi a: Certezza di Dio ed eternità dell’anima

#312088
franco
franco
Partecipante

Gli apostoli alcune verità di Gesù Cristo le hanno riportate nei vangeli, ma non tutto ciò che è scritto nei vangeli sono le verità di Gesù Cristo, perché come tutti anche gli apostoli erano condizionati fin dalla nascita di un Dio che punisce, anche se sono stati in contatto con Gesù Cristo non sono riusciti a staccarsi completamente dai condizionamenti, perfino la madre di Gesù era convinta che esisteva un Dio che puniva coloro che sbagliavano.

Gesù Cristo fece capire che il peccato non esiste per il fatto che esiste la legge di CAUSA ed EFFETTO, praticamente ogni azione fatta, allo stesso modo poi ritorna dal mittente, quindi se l’AZIONE è stata buona avranno come risultato buono, se invece l’AZIONE è stata negativa il mittente poi avrà tale ricompensa, per questo motivo che non ha senso il peccato, perché già la CAUSA e l’EFFETTO fanno la loro giusta parte.

Figuriamoci ancora dopo più di duemila anni i credenti pensano che Dio punisce, ciò significa che ancora non conoscono chi è Dio.

Si può avere fede nei vangeli ma dato che non ci danno tutte le verità; io mi domando a cosa serve quella fede che alla fine mi lascia dei condizionamenti.

Negare una parte di quello che è scritto nei vangeli non significa credere in altre religioni.

Esiste un’energia che ha creato il tutto e questa energia è perfetta ma non è il Dio che ci fanno credere, infatti questa energia non castiga nessuno, perché chi non rispetta al cento per cento il magnetismo che è in questa energia subisce la sofferenza, mentre rispettando il magnetismo che funziona su tutto quello che facciamo, in base ai nostri comportamenti abbiamo poi il risultato, in poche parole questo magnetismo è perfetto e chi crea una causa che è distruttiva poi la conseguenza sarà la stessa ed il soggetto riceve la sofferenza, praticamente noi riceviamo in base a come seminiamo, facciamo il giusto ed otteniamo la ricompensa buona. Ecco perché Gesù disse che il peccato non esiste ma mette in guardia che tutti coloro che sbagliano quello stesso sbaglio lo dovranno provare su se stessi.

Io non appartengo a nessuna religione, io sto solo mettendo in vista le verità.